La bellezza delle cose… di Liguria

La Liguria non finisce di stupire e continuamente si scoprono (o riscoprono) nuove bellezze. Questa volta è un volume "Prïe de Mâ - La Liguria dei risseu da Portofino a Moneglia” ad accendere i riflettori sull’arte antica e tipicamente ligure dei risseu: mosaici a ciottoli arrotondati che decorano sagrati di chiese e spazi esterni di residenze private.

“La bellezza delle cose esiste nella mente di chi osserva”
David Hume

I materiali di base sono semplici: ciottoli di varie misure e colori: grigi, neri, crema… selezionati e raccolti in riva al mare o sui greti dei torrenti, utilizzati come la natura li offre. Il risultato finale è prezioso, perché la mano e l’occhio del maestro rissaieu sanno posizionare i ciottoli che esattamente servono per delineare fiori, simboli, figure,… Dalla combinazione sapiente di un materiale povero: ciottoli di forma, colore e dimensione diversi, nascono composizioni articolate, in grado di valorizzare e, a volte, rivaleggiare in bellezza con gli edifici davanti ai quali sono collocate.
Ogni risseu costituisce un'opera unica in cui è fondamentale il "messaggio" che si intende trasmettere, tanto più quando il risseu orna il sagrato di una chiesa. Non solo, quindi, le linee del risseu raccordano il decoro del sagrato con l’edificio di culto per enfatizzarne l'ingresso e  guidare il fedele verso il raccoglimento, ma rappresentano anche simboli: il fiore, attributo della speranza, le stelle, che richiamano Cristo, il monogramma di Maria, … 
"Prïe de Mâ” accompagna il lettore alla scoperta di 56 sagrati a risseu del Tigullio, mostrando risseu famosi, come quelli di Portofino, Zoagli o Moneglia e altri meno noti, ma non meno preziosi, come quello di Velva. Non un testo per eruditi, ma un volume di agevole lettura con un ampio corredo di immagini originali. Perché solo le immagini possono testimoniare la bellezza e varietà dei risseu, che, ripresi con un drone, si mostrano nella loro interezza, come nessuno li potrà mai vedere percorrendoli a piedi. 
Un volume da usare anche come guida da portare con sé alla scoperta di angoli inediti del territorio ligure. 
Seguendo un percorso fra Portofino e Moneglia, lungo la costa e nell’entroterra, si potranno vedere risseu conservati con cura e altri abbandonati a se stessi. L’obiettivo degli autori è quello di far meglio conoscere i risseu, parti integranti del nostro patrimonio culturale e artistico. Ma anche valorizzare il lavoro del rissaieu, antico mestiere d’arte ormai patrimonio di pochi.
Far apprezzare i risseu perché nasca il desiderio di prendersi cura di un bene che testimonia il gusto, la perizia e il lavoro di chi ci ha preceduto e che oggi può costituire motore di ricchezza attraverso lo sviluppo di un turismo “di qualità”.

PRÏE DE M 
La Liguria dei risseu da Portofino a Moneglia
Foto Darko V. Perrone 
HiroandCo Edizioni 
Pagine XIX + 134 - euro 25,00
In vendita a Milano da Walden (via Vetere 14) e nelle Librerie del Tigullio.
Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in formato pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013

I più visti

I tagli alle pensioni, ovvero punire la vecchiaia

Un Paese che taglia le pensioni, non ne garantisce il potere d'acquisto nel tempo e non investe in politiche attive di sviluppo s’incammina verso la regressione economica e la permanente conflittualità sociale
01 febbraio 2019

Il contributo di solidarietà come tassa permanente

Federmanager e Cida da sempre sostengono la necessità di separare l’assistenza dalla previdenza. Il nuovo contributo di solidarietà viene proposto per realizzare un progetto politico di natura assistenziale che chiama in causa la collettività nazionale. Circostanza che offre al legislatore l’occasione per far valere il principio di solidarietà sancito dalla Costituzionale. La solidarietà la devono sostenere tutti in relazione alla capacità contributiva.
01 dicembre 2018

Europa 2050: Suicidio Demografico

Che silenzio assordante di fronte al suicidio demografico dell'Europa previsto per il 2050! Le previsioni demografiche delle grandi regioni del mondo per quella data sono conosciute e vengono riaggiornate ogni due anni dalle Nazioni Unite e regolarmente da Eurostat per gli Stati membri dell'UE, ma bisogna essere uno specialista di database per servirsene. Infatti nessuno ne parla, soprattutto a Bruxelles, dove si preferisce produrre rapporti sulle rivoluzioni tecnologiche, lo sviluppo sostenibile e la transizione energetica. Nel seguito spieghiamo come la crescita economica e la produttività non sono messe in relazione con gli indicatori chiave relativi alla popolazione.
01 maggio 2018

Welfare: assistenza e previdenza

Fare chiarezza sui numeri è il primo passo verso la sostenibilità del sistema. Oltre la metà dei pensionati è totalmente o parzialmente assistita dallo Stato. Assimilare la spesa per prestazioni previdenziali e assistenziali genera equivoci.
01 aprile 2019

Pensioni: oltre i tagli e il conguaglio

Non si possono combattere disuguaglianze e ingiustizie sociali adottando sistemi d’ingiustizia fiscale.
01 aprile 2019