Emozione Italia

Accoglienza ai visitatori nelle città italiane.

Claudio Gregorio 

Socio ALDAI-Federmanager componente dei Gruppi Progetto Innovazione e Mind the Gap - claudio.gregoriocg@gmail.com
È stato lanciato e sta riscuotendo un notevole successo un interessante progetto di accoglienza dei visitatori che potrebbe dar modo ai colleghi Federmanager di partecipare a questa iniziativa meritoria con soddisfazione personale a favore dell'immagine del Paese.
Si tratta dell’iniziativa che, con lo slogan “vieni nelle città italiane e ti accoglierà un amico”, intende proporre ai Visitatori – soprattutto stranieri, ma anche italiani – un’accoglienza e un accompagnamento alla scoperta delle bellezze dei luoghi, degli eventi e dello shopping, e fornire anche i suggerimenti per vivere al meglio le vere Emozioni Italiane in tutti i settori di eccellenza”Italian style of life”.
Si tratta del progetto “Emozione Italia”, iniziato in occasione di Expo 2015 e presentato alla Camera dei Deputati lo scorso Gennaio.  Cliccando il titolo di seguito è possibile scaricare la locandina.

Locandina emozioni italia alla camera dei deputati 23.1.18

locandina---emozioni-italia-alla-camera-dei-deputati-23.1.18.pdf


Si vuole promuovere, grazie soprattutto al contributo volontario di persone e di professionisti aperti e disponibili, l’interesse dei visitatori per l’Arte, la Cultura, le Bellezze dei Luoghi, l’Enogastronomia, la Moda, l’Artigianato, l’Industria e gli Stili di vita, tramite l’accoglienza ai Visitatori nelle città italiane, l’accompagnamento dedicato e magari anche l’ospitalità.
Per usufruire dei servizi di accoglienza offerti da “Emozione Italia” basta effettuare la prenotazione sul sito www.emozioneitalia.it  (in italiano e inglese), a seguito della quale viene inviata una mail di accettazione della richiesta di accoglienza e vengono dati i riferimenti della persona che si è data disponibile per accogliere i Visitatori in arrivo nella sua città.
L’iniziativa, nata inizialmente sotto l’egida del Rotary Club, ma poi estesa a molti altri partner che partecipano come volontari, ha come idea di base quella di mettere in contatto diretto:
  • i visitatori stranieri e italiani in arrivo nelle città italiane
  • le persone di tali città disponibili ad accoglierli ed accompagnarli per le vie delle città e nei dintorni, alla scoperta delle bellezze dei luoghi, delle manifestazioni e dello shopping.
L’attività di accoglienza e accompagnamento dedicato viene offerta dalle persone residenti che mettono a disposizione di questa iniziativa una parte del proprio tempo libero, indicando a “Emozione Italia” quale è la loro disponibilità in termini di giorni al mese e di orari.
Le persone che intendono dedicarsi a questa iniziativa no profit svolgono l’attività con spirito di amicizia e di assistenza ai Visitatori, in un contesto di credibilità ed efficienza. I volontari di “Emozione Italia” non sono certamente guide turistiche, né debbono avere particolari conoscenze o competenze; sono “amici” che accompagnano i Visitatori. Per chi desiderasse essere assistito, eventualmente, da una guida professionale, Emozione Italia segnalerà gli operatori turistici idonei caso per caso. 
I rapporti di conoscenza – e, come è stato già verificato, anche di amicizia – tenuti vivi con i visitatori anche dopo il loro soggiorno in città, consentiranno di amplificare la buona immagine di italianità suscitata nel corso dell’attività di accoglienza, invitando i visitatori più disponibili a estendere l’apprezzamento del patrimonio italiano nel loro giro di conoscenti.
L’iniziativa di accoglienza è già stata messa in atto con risultati lusinghieri con i visitatori arrivati a Milano durante il periodo Expo 2015 (www.expoguide.it) e a Roma durante tutto l’anno del Giubileo 2015-2016 (www.giubileoguide.it).
Al momento i luoghi in cui viene offerta l’accoglienza di Emozione Italia sono: Milano, Torino, Genova, Cortina d’Ampezzo, Mantova, Cremona, Padova, Costiera Romagnola, Firenze, Siena, Arezzo, Perugia, Roma, Napoli, Paestum-Pompei-Ercolano, Lecce, Trapani. I servizi di accoglienza saranno estesi gradualmente a tutti i luoghi italiani, migliorandoli progressivamente sulla base dei feedback indicati dai Visitatori. 
Il progetto, ampio e articolato, si concentra in questa prima fase nello sviluppo in termini operativi del concetto di accoglienza, mettendo a frutto la naturale predisposizione italiana di ospitalità nei confronti dei Visitatori e indirizzandola verso l’obiettivo, sentito da molti, di voler fare qualcosa di buono per il rilancio del Paese.
I risultati acquisiti nel corso di questa fase di progetto, opportunamente analizzati, potranno generare utili indicazioni per migliorare i prodotti, i servizi e le modalità di fruizione attualmente offerti nei settori, già citati, di Arte, Cultura, Bellezze dei Luoghi, Enogastronomia, Artigianato, Moda, Industria e Stili di vita. Infatti, l’analisi dei feedback indicati dai Visitatori, integrata dagli altrettanto utili feedback acquisiti da parte degli accompagnatori, consentirà di individuare le linee di miglioramento da applicare in tali settori, che, reiterate progressivamente nel corso del tempo, daranno vita a un circolo virtuoso di miglioramento continuo.
Claudio Gregorio

Claudio Gregorio

Per alcuni associati – in particolare per i Senior, ma non solo, in quanto i Dirigenti in servizio potrebbero mettere a disposizione qualche ora del week-end – l’iniziativa Emozione Italia può essere interessante e anche di grande soddisfazione personale, in termini di nuova esperienza e di ampliamento delle relazioni e dei rapporti umani, e può costituire in qualche modo una forma più “leggera” e più appagante del classico volontariato a cui parecchi colleghi già aderiscono.

Chi è interessato ad approfondire e partecipare all’iniziativa, può inviarmi una mail.
Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in formato pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013

I più visti

Pochi milioni dal taglio delle pensioni svelano le reali motivazioni

La proposta di riduzione delle pensioni va giustificato per motivi contributivi, serve solo per fare cassa, oppure giustizia sommaria ? I pensionati sono ben disposti a fare solidarietà, purché questa sia condivisa da tutti, tutti, ma proprio tutti. I prelievi discriminatori e non giustificati da abusi previdenziali dimostrati non sono accettabili.
09 ottobre 2018

Soccorso rosso alle pensioni

Accantonato il ricalcolo delle pensioni, per i rischi di incostituzionalità, il Governo ripropone il contributo di solidarietà, anch'esso sempre più incostituzionale per l'evidente abuso.
01 novembre 2018

Tavolo di confronto sull’ipotesi dell’ennesimo contributo di solidarietà sulle pensioni

Secondo la Corte Costituzionale, un contributo di solidarietà è consentito, solo se si presenta come “misura contingente, straordinaria e temporalmente circoscritta” e soprattutto se viene “utilizzato come misura una tantum”. L’ipotesi di un 9° contributo di solidarietà impone una riflessione sulla ripetitività del provvedimento per risolvere un dichiarato stato di crisi che la Costituzione indica di affrontare con l’aumento delle imposte.
01 novembre 2018

Il ricalcolo delle pensioni divide il Consiglio dei Ministri

La questione che si dibatte in queste ore divide MS5 e Lega. Le osservazioni critiche che sono state formulate in tutte le audizioni di alcuni giorni fa nella Commissione Lavoro alla Camera sulla proposta di ricalcolo delle pensioni (n.1071), avrebbero dovuto portare ad una revisione profonda del testo presentato. Se non addirittura al ritiro. Il Governo, invece, si è impossessato della proposta parlamentare e ha deciso una improvvisa accelerazione dell’operazione.
01 novembre 2018