La storia della posta

Francobolli e collezionismo

La storia della posta si perde nella notte dei tempi: sin dalle origini dell'uomo la necessità di comunicare è stato un bisogno primario sia per aspetti relativi alla sfera privata ma soprattutto interpersonali: politici, economici, militari, religiosi, etc.

Sono datate 3.000 anni a.C. le tavolette sumere in creta con iscrizioni cuneiformi racchiuse in una vera e propria busta di terracotta (vedi immagine sotto), ma è solo con la creazione della carta nel XII secolo che la corrispondenza scritta iniziò a diffondersi in modo capillare. Il trasporto della posta venne quindi sottoposto a controllo dello Stato che ne determinava il costo; fino al XIX secolo la tassa per il trasporto veniva pagata in contanti dal mittente alla consegna all’ufficio di posta o dal ricevente alla consegna della missiva da parte del postino. Dal 6 maggio 1840, con la nascita del francobollo, il pagamento della tassa del trasporto si semplificò, con l’acquisto di un francobollo e la sua applicazione sulla lettera  il mittente rendeva la missiva franca per la spedizione senza nessuna necessità di riscossione da parte del postino.



La leggenda narra che Roland Hill, l’inventore del primo francobollo al mondo, vide una giovane donna che si rifiutava di pagare al postino la tassa di trasporto, ma solo dopo aver osservato con attenzione la lettera inviatale dal fidanzato. Roland Hill chiese la ragione del rifiuto, la risposta fu che avendo capito dai segni sulla lettera che il suo fidanzato stava bene, era inutile farsi consegnare la lettera e quindi pagare la tassa di trasporto.

Il costo di spedizione di una lettera nel XIX secolo era molto elevato, la vera rivoluzione di Roland Hill non fu tanto l'invenzione del francobollo che obbligava a pagare la tariffa immediatamente da parte del mittente, ma la semplificazione del sistema postale con una drastica riduzione delle tariffe che permise una ampia diffusione dell'uso della posta da parte di una sempre più larga parte della popolazione. 

A partire da 1840, uno dopo l'altro tutti gli Stati avviarono riforme postali con la creazione di francobolli autoadesivi e ben presto si sviluppò l'interesse per il collezionismo filatelico. Inizialmente fu rivolto alla collezione di francobolli nuovi o usati provenienti da tutto il mondo, ma successivamente l’interesse dei collezionisti si rivolse alla Storia Postale, nella quale è la lettera e non il francobollo il centro d'interesse dei collezionisti, siano le missive affrancate oppure no, con i suoi annulli ed i segni postali che raccontano la storia del percorso che questa lettera ha fatto per raggiungere la sua destinazione finale e con essa lo sviluppo della tecnologia che ha determinato l’evoluzione dei mezzi e della modalità di trasporto della corrispondenza. 

Dal XIV al XV secolo a piedi o a cavallo (pedoni e staffette); nel XVI-XIX secolo prevalentemente con le  navi (vie di mare), a seguire per ferrovia (strade ferrate ed ambulanti); agli inizi del XX secolo per via aerea (aerofilatelia); per finire nel XXI secolo la posta che raggiungeva le stazioni spaziali a bordo di una navicella (astrofilatelia). 
Ulteriori interessi collezionistici si sono sviluppati creando delle classi espositive a concorso quali la Filatelia Tematica, dove si crea una storia, un racconto o si sviluppa un argomento attraverso la presentazione di materiale filatelico. Oppure la Storia Postale Militare, dove attraverso i documenti postali si svolge il tema storico di un evento bellico, in quanto le forze armate dispongono di un ufficio postale militare sul campo d'azione. 

Il mondo collezionistico filatelico è più che mai variegato, si parte dal periodo prefilatelico sino al 1840 per passare attraverso il periodo classico degli antichi Stati, dove il collezionismo storico postale permette di seguire la fine dei Ducati con il passaggio all’unità d’Italia sotto il Regno dei Savoia e poi con la costituzione della Repubblica Italiana sino ai giorni nostri, dove i sistemi automatici di pagamento e la liberalizzazione del mercato postale hanno determinato la quasi totale scomparsa dell'affrancatura come sistema di pagamento dell'inoltro della corrispondenza, e questo è stato denominato periodo post-filatelico. 

Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in formato pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013

I più visti

Pensioni nei prossimi anni: quali prospettive?

Continui interventi sulle pensioni destabilizzano il sistema e creano sfiducia. Bisogna creare condizioni di sostenibilità di lungo termine separando l'assistenza finanziata dalla fiscalità dalla previdenza basata sul risparmio diversificato per ridurre complessivamente il rischio.
01 febbraio 2020

Se le tasse si mangiano la pensione

C’è l’esigenza di un nuovo impegno che contrasti la continuità di misure che penalizzano le nostre pensioni e promuova iniziative politiche per attuare un nuovo sistema fiscale, giusto, equilibrato, che rispetti il merito. Un impegno necessario e consapevole. Della serie: le buone battaglie dei pensionati.
01 febbraio 2020

Finalmente una buona notizia sulle pensioni!

La sequenza ininterrotta di provvedimenti che hanno sistematicamente compresso e talora del tutto escluso la perequazione dei trattamenti pensionistici di maggior importo è posta in discussione dall'ordinanza della Corte dei Conti del Friuli Venezia Giulia n. 6 del 17 ottobre 2019.
01 dicembre 2019

Perché si pagano le tasse

Ovvero "Pagare le tasse è bello" Tommaso Padoa-Schioppa
01 agosto 2018

Europa 2050: Suicidio Demografico

Che silenzio assordante di fronte al suicidio demografico dell'Europa previsto per il 2050! Le previsioni demografiche delle grandi regioni del mondo per quella data sono conosciute e vengono riaggiornate ogni due anni dalle Nazioni Unite e regolarmente da Eurostat per gli Stati membri dell'UE, ma bisogna essere uno specialista di database per servirsene. Infatti nessuno ne parla, soprattutto a Bruxelles, dove si preferisce produrre rapporti sulle rivoluzioni tecnologiche, lo sviluppo sostenibile e la transizione energetica. Nel seguito spieghiamo come la crescita economica e la produttività non sono messe in relazione con gli indicatori chiave relativi alla popolazione.
01 maggio 2018