Premiazione del 4º Concorso Letterario ALDAI

Il 2 dicembre nella Sala Viscontea Sergio Zeme abbiamo festeggiato la premiazione del 4° Concorso Letterario ALDAI

Nicoletta Bruttomesso

Per la prima volta il concorso ha aperto anche a non associati ALDAI. La partecipazione è stata numerosa, anche se il periodo di pandemia ci ha obbligati a diversi rinvii.
Il tema di quest’anno era: “UNO SKYLINE DIVERSO, UN’IMPRONTA DEL NOSTRO TEMPO” dedicato al cambiamento e all’impronta che ogni cambiamento lascia nella nostra vita e nella cultura del nostro Paese.
Il Presidente Manuela Biti ha rivolto un saluto e un ringraziamento a tutti i partecipanti, sottolineando come cultura e creatività siano due pilastri fondamentali del bagaglio del manager moderno: “Perché è da questo guizzo creativo che ci rende così unici e così noi stessi, che nasce quel profondo e innato desiderio di andare sempre oltre, al di là, di sperimentare e innovare”.
È seguita la presentazione degli autori, con la lettura dell’incipit del loro racconto da parte di Renzo Bezza e Giorgio Medi, cui è seguito un breve commento del testo da parte di Mario Garassino, e la consegna di un attestato di partecipazione da parte del Presidente.

L'evento si è concluso con la premiazione dei tre vincitori, che hanno ricevuto un diploma; agli altri partecipanti è stato consegnato un attestato.

1° PREMIO
Marco Vezzani
in collegamento Zoom da Miami, per il racconto Lo skyline del paradiso

2° PREMIO
Norberto Pelosi per il racconto Uno skyline, una vita

3° PREMIO
Fulvio Conenna per il racconto Il calcio di rigore 
(ritira il figlio)

I racconti dei tre vincitori saranno pubblicati sulla rivista Dirigenti Industria a partire da questo numero. 

Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in formato pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013

I più visti

Sei anni in difesa delle pensioni

A conclusione del mandato, il Presidente del Comitato Nazionale di Coordinamento dei Gruppi Pensionati ripercorre le iniziative e le emozioni del lavoro con i colleghi, per salvaguardarne i diritti e per creare migliori condizioni per i futuri pensionati
01 dicembre 2021

I bonus non riducono la povertà

Pur considerando l’epidemia Covid il benessere è indubbiamente aumentato negli ultimi 15 anni, ma l’incidenza della povertà individuale è triplicata nello stesso periodo, passando dal 3% ad oltre il 9% secondo l'ISTAT.
11 ottobre 2021

Pensioni oggi e prospettive secondo l’OCSE

Arrivano con il nuovo anno le buone notizie per i pensionati. Dal primo gennaio 2022 le pensioni saranno rivalutate all’ 1,7%. La rivalutazione prevista si applica, in via provvisoria, in base al tasso d’inflazione dell’anno precedente. Ma la cifra corretta i pensionati la vedranno con il conguaglio relativo alle mensilità dei primi mesi del 2022.
01 gennaio 2022

Buone nuove per i pensionati

Il presidente dell'Inps, Pasquale Tridico, annuncia la rivalutazione delle pensioni dell'1,7%, dal 1 gennaio 2022, riprendendo l'inflazione intercorsa
20 dicembre 2021

IRPEF, un conto da oltre 172 miliardi (e a pagare sono i soliti noti)

Presentato l’Osservatorio Itinerari Previdenziali dedicato all’analisi delle dichiarazioni dei redditi ai fini IRPEF: mentre si discute di come ridurre ulteriormente il carico fiscale che grava sulle loro spalle, il 78,82% degli italiani dichiara redditi fino a 29mila euro, corrispondendo solo il 28,36% di tutta l’IRPEF, un’imposta neppure sufficiente a coprire la spesa per le principali funzioni di welfare
01 dicembre 2021