Quando la razionalità lascia spazio alle emozioni

20º Concerto d'Autunno ALDAI

La sera del 7 novembre 2017 sono stati in molti ad accorrere al Teatro Dal Verme per assistere alla ventesima edizione del Concerto d'Autunno ALDAI. Solo ieri… le pagine di Dirigenti Industria davano notizia del successo di un'iniziativa musicale nata per creare "una manifestazione d'amicizia fra i soci ALDAI".

La sala gremita di spettatori durante l'esibizione.

Rosanna Re e Romano Ambrogi.

Rosanna Re e Romano Ambrogi.

Gabriella Canuti

Redazione Dirigenti Industria

Questo "ieri" era il 21 ottobre 1999 e le parole erano dell'allora Presidente Edoardo Lazzati. Da quella data l'ALDAI ha organizzato 20 concerti (contando il primo e due edizioni nel 2012) e anno dopo anno, successo dopo successo, attraverso un percorso di molteplici programmi di musica classica e perfino una carrellata delle più belle e suggestive colonne sonore del grande cinema, siamo arrivati all'emozionante e appassionata interpretazione del 2017.

Il Presidente ALDAI Romano Ambrogi, gratificato di constatare la numerosa partecipazione nella splendida cornice del Teatro Dal Verme, ha rivolto un caloroso benvenuto agli ospiti ricordando come il Concerto d'Autunno, ormai storico evento della tradizione di ALDAI, sia un momento di condivisione e di testimonianza dei valori di cui l’Associazione è portatrice. Sentimenti che conducono al senso di appartenenza, di coesione perché, seppur nella specificità di ognuno, in ALDAI si è parte di un sistema che lavora ogni giorno per accompagnare la vita dei manager sotto tutti gli aspetti e anche queste piacevoli occasioni ne sono la concreta dimostrazione. 
Saluti e ringraziamenti sono stati rivolti ad Autorità, Istituzioni, Federazioni, Associazioni; ai rappresentanti negli Enti di Previdenza e negli Organi Direttivi; oltre che a Collaboratori e Consulenti che quotidianamente si impegnano con la Struttura ALDAI. Last but not least il ringraziamento a coloro che si sono prodigati per la riuscita della manifestazione: il Direttore artistico Rosanna Re, il Delegato del Presidente e organizzatore del Concerto Agostino D’Arco, il Direttore e tutta la Struttura ALDAI. 
Ambrogi ha sottolineato che l'Associazione, proseguendo l'obiettivo di essere un valido punto di riferimento per i manager tra le molteplici attività (da quelle di tutela e rappresentanza a quelle culturali e ricreative), porta avanti da sempre il valore del volontariato con l’opera di VISES Gruppo di Milano coordinata da Francesco Dindo 
Pavel Berman e l'Orchestra ricevono i meritatissimi applausi.

Pavel Berman e l'Orchestra ricevono i meritatissimi applausi.

La parola è passata poi a Rosanna Re che ha introdotto la serata con una rapida rassegna del programma previsto: il Concerto di J. Brahms per violino, violoncello e orchestra op. 102 e la Sinfonia Jupiter op.551 di W.A. Mozart. Ultimate le presentazioni le parole e la razionalità hanno lasciato campo libero alla musica e alle emozioni.

Il primo tempo si è aperto con il doppio concerto, opera magistrale composta nel 1887 quando Brahms aveva 54 anni.La partitura si differenzia da altri concerti per la particolarità con la quale gli strumenti solisti, che dialogano con l’orchestra, sono due e non uno soltanto come comunemente accadeva nell'800, modalità che invece fino a Mozart compreso era molto consueta. 

Il secondo tempo è stato dedicato all’esecuzione della maestosa Sinfonia di Mozart, da sempre molto amata dal pubblico e spesso richiesta grazie alle inconfondibili note che la sanno rendere da sempre un vero privilegio per l'ascolto. Il nome “Jupiter” non fu voluto da Mozart, bensì del suo impresario che, riferendosi a Zeus, Dio dell’Olimpo, volle sottolineare la grandiosità di quest’opera, che seppur scritta 100 anni prima del concerto di Brahms (eseguito nel primo tempo), si impone all’ascoltatore sia per la grandiosità del suono, sia per la bellezza dei temi.
La direzione dell’orchestra “I Pomeriggi Musicali” è stata affidata al famoso violinista e direttore Pavel Berman affiancato da due splendidi, giovanissimi solisti: Gennaro Cardaropoli violino ed Erica Piccotti violoncello che, nonostante la loro giovane età (rispettivamente 20 e 18 anni) hanno eseguito il concerto in modo superlativo mettendo in luce, sensibilità, bellissimo suono e grande affiatamento nel discorso musicale. Il profilo di questi ragazzi sorprende perché, seppure giovanissimi, hanno vinto primi premi a concorsi nazionali e internazionali. Il merito del loro meraviglioso suono è anche dovuto al pregio degli strumenti che abbiamo avuto il privilegio di ascoltare: un violino G.B. Guadagnini del 1783, appartenente alla Fondazione Pro Canale, ed un violoncello F. Ruggeri 1692 concesso dalla Fondazione Micheli di Milano.
Agostino D'Arco e Rosanna Re premiano
Gennaro Cardaropoli ed Erica Piccotti.

Agostino D'Arco e Rosanna Re premiano Gennaro Cardaropoli ed Erica Piccotti.

Alla fine del primo tempo Agostino D’Arco e Rosanna Re hanno consegnato ai giovani solisti, da parte di ALDAI, una pergamena e una medaglia con i migliori auguri per un proseguimento della brillante carriera oltre che a ricordo dell'emozionante serata che, con impegno e talento, hanno dedicato alla nostra Associazione. 

Al termine della serata, sfumata l'ultima nota, il Teatro è stato inondato da un fragoroso e prolungato applauso finale rivolto ai musicisti per la mirabile interpretazione e alla maestria dei grandi compositori. La musica ha il dono di incorniciare il silenzio colmandolo di sensazioni che rischiarano l'anima. 
"Viviamo in questo mondo per imparare  e per illuminarci l'un l'altro" ... 
...Parola di Mozart! 
Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in formato pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013

I più visti

L’ossessione del ricalcolo delle pensioni

Lo hanno spiegato gli stessi vertici dell'INPS nell'audizione del 15 marzo 2016 presso la Commissione Lavoro della Camera dei Deputati: "Le pensioni attribuite con il sistema retributivo non si possono ricalcolare".

 
01 luglio 2017

Non si governa il Paese perseguitando i pensionati

In campagna elettorale nel mirino le pensioni sopra i 5 mila euro non giustificate da contributi. Adesso si scende a 4-5mila euro. Domani ? Mettere in discussione continua il merito e la certezza del diritto delle pensioni aumenta l’ansia e la sfiducia nelle capacità di governo del Paese.
01 luglio 2018

Federmanager: basta con i tagli alle pensioni

Basta assimilare le pensioni di chi ha lavorato e contribuito per una vita con i vitalizi. Oltre ad essere pura demagogia questa è profondamente ingiusto. A cura del comitato di redazione 
26 giugno 2018

Senza certezza del diritto non ci sono prospettive, soprattutto per i giovani.

È inaccettabile la gogna mediatica delle pensioni d'oro, bisogna fermare questo gioco a chi la spara più grossa per andare sui giornali. Evitiamo di innescare una "pioggia di ricorsi".
25 giugno 2018