Dirigenti Industria digitale compie il primo mese

C’è chi preferisce leggere la tradizionale carta stampata e chi ha scoperto i vantaggi delle riviste on-line, perché Dirigenti Industria Digitale non è soltanto un diverso supporto di lettura. Per capire meglio le potenzialità dell’editoria digitale riassumiamo cosa abbiamo fatto nel primo mese, cosa abbiamo in programma e cosa chiediamo agli associati per conseguire migliori risultati per gli oltre 30.000 lettori lombardi.

 

A cura del comitato di redazione Dirigenti Industria 

Cosa abbiamo fatto nel primo mese

Dirigenti Industria Digitale è nata in periodo Natalizio, il 16 dicembre, con la pubblicazione degli articoli degli ultimi tre mesi 2016. 
Il sistema digitale ha permesso di realizzare edizioni specifiche per ciascuna delle associazioni Federmanager Lombardia, che hanno annunciato la disponibilità della rivista digitale invitando alla registrazione.
Ad inizio anno le associazioni Federmanager lombarde hanno inviato un nuovo invito alla registrazione, comunicando la disponibilità del numero di Gennaio con i nuovi articoli sulle opportunità del digitale per l’industria e per il Paese, portando a 160 gli articoli on-line.
Dirigenti Industria è liberamente accessibile, da qualunque parte del mondo, sebbene riservi agli associati maggiori funzionalità. Al momento solo ai soci registrati è consentito l’accesso alle rubriche delle specifiche Associazioni Territoriali Federmanager e maggiori funzionalità saranno offerte in futuro per riconoscere maggiori vantaggi agli associati.
I soci registrati si rendono conto di essere riconosciuti dal sistema perché vedono, nella parte destra della testata Dirigenti Industria, immagini diverse rispetto ai visitatori anonimi, non registrati.
Come indicato dal grafico, nel primo mese si sono registrati alla rivista Dirigenti Industria on-line il 15% degli associati e siamo interessati ad accelerare la fase di registrazione per sviluppare rapidamente le iniziative a favore dei soci nel momento in cui avremo raggiunto almeno il 50%.
Il 18% dei soci ha letto la mail, ma non ha ancora effettuato la registrazione, mentre il 48% non ha letto la mail, probabilmente per l’eccesso di messaggi ricevuti nel periodo Natalizio o, perché sono finite nella casella promozioni o nello spam. Il 6% degli associati non ha ancora ricevuto la mail da parte delle associazioni Federmanager Lombarde, il 12% dei soci non ha ancora comunicato all’associazione il proprio indirizzo mail e l’1% degli indirizzi comunicati non è attivo.
I lettori della rivista sono stati finora per metà associati registrati e per metà lettori anonimi. Sono oltre 30.000 gli articoli letti, in perfetto equilibrio fra sezione in servizio e senior. Ciascun lettore ha letto mediamente 4 articoli per ogni accesso alla rivista. Un socio registrato su tre ha attivato più di un dispositivo. Il 70% ha utilizzato un PC per leggere la rivista, il 20% ha utilizzato uno smartphone e il 10% ha utilizzato un tablet.
Il 27% degli accessi è relativo alla prima pagina della rivista e il 18% alla pagina di registrazione mentre, per quanto riguarda le rubriche più lette rileviamo il grande interesse per le pensioni con il 7% di lettori, il sommario 6%, Federmanager e management 4%, editoriali 3%, sindacato, lavoro, welfare e formazione 2%, società, sanità, servizi, CIDA, cultura 1% e tutte le altre rubriche e pagine della rivista il rimanente 18%. Tali indicazioni costituiscono elementi utili per rispondere al meglio alle aspettative dei lettori.
Infine se si prova a cercare con Google “Dirigenti Industria” e “Dirigenti Senior”, almeno uno delle due, o entrambe, sono già presenti nella prima pagina di ricerca e questo permetterà di aumentare gli accessi da parte dei colleghi che ancora non ci conoscono.

Cosa faremo nel 2017

Ci rendiamo conto che la rivista digitale sarà durante il primo anno un “laboratorio editoriale” in continuo fermento, per trarre il miglior risultato dalle potenzialità del sistema digitale. Svilupperemo anche le sinergie con la tradizionale versione della rivista che continueremo a distribuire per onorare i contratti con gli inserzionisti e i fornitori dei servizi.
Ci impegniamo ad aggiornare entro il 1° giorno lavorativo di ogni mese la rivista digitale con i nuovi articoli e invieremo ogni primo giorno lavorativo del mese una mail per confermare la disponibilità del nuovo numero fornendo il link per la registrazione e attivazione di ulteriori dispositivi PC, tablet e smartphone.
A maggio realizzeremo una indagine con gli associati per conoscere il gradimento della rivista digitale e della tradizionale rivista cartacea, le aspettative future in termini di contenuti e frequenza di pubblicazione delle diverse edizioni tradizionali e digitali per raccogliere elementi utili a pianificare al meglio gli sviluppi editoriali per il prossimo anno, massimizzando l’immagine della categoria e il servizio ai soci, ottimizzando al tempo stesso i costi di gestione.

Quale contributo ci aspettiamo dagli associati e dai lettori

Ci rendiamo conto che il successo editoriale di Dirigenti Industria e il contributo che la rivista potrà dare allo sviluppo associativo dipenderà dalla collaborazione fra il comitato editoriale, i vertici delle associazioni Federmanager e la collaborazione determinante degli associati e dei lettori che ci aspettiamo nelle seguenti 4 attività:
  1. Attivazione della rivista Dirigenti Industria digitale utilizzando la mail inviata dalle Associazioni Federmanager all’inizio di ogni mese. Se non trovi la mail nella posta in arrivo, verifica che non sia finita della cartella promozioni o nello spam.
  2. Se non avessi ricevuto la mail di attivazione o avessi problemi, comunica a rivistadigitale@aldai.it il tuo indirizzo mail e il problema riscontrato.
  3. Aggiungi l’indirizzo internet della rivista Dirigenti Industria ai tuoi preferiti così potrai accedere più facilmente tutte le volte che vorrai.
  4. Fai conoscere la rivista Dirigenti Industria ai tuoi colleghi e conoscenti. Invia loro una mail invitandoli a visitare la rivista dirigentiindustria.it oppure dirigentisenior.it, o meglio ancora, inserisci nella mail l’indirizzo internet dell’articolo che pensi possa essere d’interesse.
Passa parola. L’unione fa la forza.
Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in formato pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013

I più visti

Pensioni: oltre i tagli e il conguaglio

Non si possono combattere disuguaglianze e ingiustizie sociali adottando sistemi d’ingiustizia fiscale.
01 maggio 2019

Europa 2050: Suicidio Demografico

Che silenzio assordante di fronte al suicidio demografico dell'Europa previsto per il 2050! Le previsioni demografiche delle grandi regioni del mondo per quella data sono conosciute e vengono riaggiornate ogni due anni dalle Nazioni Unite e regolarmente da Eurostat per gli Stati membri dell'UE, ma bisogna essere uno specialista di database per servirsene. Infatti nessuno ne parla, soprattutto a Bruxelles, dove si preferisce produrre rapporti sulle rivoluzioni tecnologiche, lo sviluppo sostenibile e la transizione energetica. Nel seguito spieghiamo come la crescita economica e la produttività non sono messe in relazione con gli indicatori chiave relativi alla popolazione.
01 maggio 2018

Il contributo di solidarietà come tassa permanente

Federmanager e Cida da sempre sostengono la necessità di separare l’assistenza dalla previdenza. Il nuovo contributo di solidarietà viene proposto per realizzare un progetto politico di natura assistenziale che chiama in causa la collettività nazionale. Circostanza che offre al legislatore l’occasione per far valere il principio di solidarietà sancito dalla Costituzionale. La solidarietà la devono sostenere tutti in relazione alla capacità contributiva.
01 dicembre 2018

Programma Eventi ALDAI - Federmanager

I colleghi dei Gruppi che promuovono iniziative di aggregazione dei senior propongono un articolato programma di eventi. Non solo occasioni per approfondire e condividere le passioni e sviluppare il network delle conoscenze, ma anche possibilità di svolgere un ruolo consapevole e attivo nella società.

 
01 maggio 2019

I tagli alle pensioni, ovvero punire la vecchiaia

Un Paese che taglia le pensioni, non ne garantisce il potere d'acquisto nel tempo e non investe in politiche attive di sviluppo s’incammina verso la regressione economica e la permanente conflittualità sociale
01 febbraio 2019