Pensioni oggi, facciamo il punto

Con questo proposito si sono svolti nei giorni 12 e 16 dicembre, promossi dal Comitato Pensionati, due interessanti incontri presso la nostra sede di via Larga, ai quali ha preso parte un folto gruppo di colleghi pensionati, distribuiti nelle due giornate.

Mario Giambone

Presidente Comitato Pensionati ALDAI-Federmanager
L’ampia partecipazione ha consentito di esporre e commentare le molteplici iniziative assunte dalla nostra categoria, da quando è stata oggetto di continue “attenzioni” da parte della politica, che non ha mancato di assumere provvedimenti restrittivi in materia pensionistica.
Lo svolgimento dell’incontro ha posto al centro dell’attenzione La difesa dei diritti e della dignità dei pensionati, ruolo fondamentale ribadito da Federmanager e CIDA. A sostegno di quanto promosso a livello “centrale” per ripristinare la fiducia nel rapporto Stato/cittadini, ma che anche i “territori” hanno sostenuto  svolgendo  un ruolo attivo, non tralasciando anche iniziative di tipo risolutivo, come quello assunto nel luglio del 2018 costituito dal ricorso a Strasburgo alla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo -  CEDU – col sostegno di una gran parte di noi dirigenti. Naturalmente non sono mancati anche molteplici ricorsi “pilota”, come dettagliatamente enunciato dalla esaustiva  e documentata esposizione illustrata dal collega Mino Schianchi, componente del Comitato ALDAI, ma anche Presidente del Coordinamento Nazionale Gruppi Pensionati Federmanager.  La documentazione ha fornito l’opportunità anche di avere un’ampia prospettiva riguardante l’insieme della situazione previdenziale sia in tema di sostenibilità sia in ottica prospettica.

Lo svolgimento degli incontri ha evidenziato quanto sia opportuno promuovere ulteriori analoghe occasioni per valutare e condividere azioni possibili. Ma anche per  sostenere nei fatti iniziative che consentano maggiore visibilità e quanto sia efficace una costante partecipazione dei cosiddetti “quiescenti” nelle molteplici attività a sostegno anche delle più giovani generazioni. Una moderna società non può consentirsi di perdere valenze e conoscenze,  cui poter ricorrere quando sia necessario fare appello all’esperienza. 
Molteplici sono infatti  le occasioni in cui i “senior”…( come oggi si usa dire..) mostrano di avere capacità e stimoli per rendersi utili in maniera attiva a  sostegno di quanto possa essere necessario!  Il vivace  scambio di opinioni che ha seguito lo ha ampiamente confermato. 
L’impegno condiviso è stato  quello di rivedersi con maggiore frequenza  e dimostrare che non  si è soli, neanche in momenti in  cui sembrerebbe il contrario. 

Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in formato pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013

I più visti

Perché si pagano le tasse

Ovvero "Pagare le tasse è bello" Tommaso Padoa-Schioppa
01 agosto 2018

Dirigenti Industria - Profilo della rivista cartacea e digitale

Mensile con tiratura di 18 mila copie, di almeno 64 pagine, consegnata a domicilio dei 15 mila dirigenti e quadri dell’associazione ALDAI Federmanager, agli abbonati in tutta Italia, alle 56 sedi territoriali Federmanager, agli enti sanitari e previdenziali, alle istituzioni e associazioni di categoria. Oltre 300mila utenti unici dell’edizione digitale con oltre 1.000 articoli letti al giorno.
01 gennaio 2020

Viaggio nello Spazio

Viaggiare nello Spazio è un’esperienza affascinante, ma richiede preparazione e nervi saldi.
01 settembre 2019

Pensioni: aspettando la riforma dell’Irpef

Come premessa all’annunciata Riforma dell’Irpef, riteniamo che occorra definirne gli obiettivi, nel quadro di una chiara politica dei redditi. La delega al Governo non può prescindere dalle valutazioni dei difetti presenti nella vigente struttura dell'imposta, al fine di risolverne evidenti contraddizioni e restituire il giusto valore al principio di progressività.
01 marzo 2020

Europa 2050: Suicidio Demografico

Che silenzio assordante di fronte al suicidio demografico dell'Europa previsto per il 2050! Le previsioni demografiche delle grandi regioni del mondo per quella data sono conosciute e vengono riaggiornate ogni due anni dalle Nazioni Unite e regolarmente da Eurostat per gli Stati membri dell'UE, ma bisogna essere uno specialista di database per servirsene. Infatti nessuno ne parla, soprattutto a Bruxelles, dove si preferisce produrre rapporti sulle rivoluzioni tecnologiche, lo sviluppo sostenibile e la transizione energetica. Nel seguito spieghiamo come la crescita economica e la produttività non sono messe in relazione con gli indicatori chiave relativi alla popolazione.
01 maggio 2018