Leggere ci aiuta a vivere pienamente

“Il libro è un coltello, non un burro. Il libro è un corpo, non un erbario. Il libro è un mare, non un muro” Questa è la definizione che Massimo Recalcati ci dà del libro

Si! Perché leggere ci può cambiare la vita e, al tempo stesso, raccontare la nostra vita. Il libro di per sé nulla può se non c’è il cuore di chi legge, leggere ci apre nuovi orizzonti, ci fa sognare paesaggi e avvenimenti fantastici, ci consola nei momenti di solitudine, ci entusiasma.
La lettura è importante anche in un mondo in cui abbiamo sempre meno tempo, i nostri ritmi sono sempre più veloci e dobbiamo essere sintetici; per questo abbiamo pensato ad un salotto letterario a dimensione tascabile, facile da portare con noi: una mezz’ora in una sala d’aspetto, un volo aereo o la sera per conciliare il sonno. Tutto questo senza nulla togliere alla profondità degli argomenti, alla qualità della scrittura e al valore degli autori.
Così è nato questo programma dedicato alle Novelle e ai Romanzi brevi. Genere un po’ sottovalutato letterariamente anche se ci ha portato grandi capolavori: basti pensare al Decamerone, alle Novelle per un anno di Pirandello, ai Racconti della beccaccia di Maupassant.
Ci vuole grande ispirazione e capacità di sintesi per delineare, a volte in poche righe, un pensiero, un problema, un avvenimento; qualcosa che lavora nella nostra mente e improvvisamente ci apre prospettive diverse.
Come dice Dürrenmatt: ”Non esistono storie irrilevanti, tutto è connesso con tutto. Dovunque si cambi qualcosa il cambiamento riguarda il tutto”.
Così abbiamo provato anche noi a cambiare, a spaziare nella letteratura europea del ‘900, con un piccolo salto anche oltre oceano, per offrire al nostro pubblico un panorama più vasto possibile e la possibilità di orientarsi, anche con poca disponibilità di tempo, nel mondo affascinante della letteratura e della lettura che è capace di risanare, di mitigare  e di dare nuova energia alla nostra vita.
Vi aspettiamo per condividere con voi il programma che abbiamo pensato per il 2020.
Gli incontri si terranno in ALDAI sala Viscontea Sergio Zeme - via Larga 31 – Milano

PROGRAMMA
  • 5 febbraio 2020: “I ciechi” dai “Dialoghi di Leucò” di Cesare Pavese; “Sette Piani” da “I sessanta racconti” di Dino Buzzati; “La chiave a stella” di Primo Levi (Mario Garassino)
  • 19 febbraio 2020: “Martin il romanziere” di Marcel Aymé; “Novelle orientali” di Marguerite Yourcenar (Giulio Gentili)
  • 11 marzo 2020: “Il ponte” e “Piccola favola” di Franz Kafka; “Fuga nelle tenebre” di Arthur Schnitzler; “La morte della Pizia” di Friedrich Dürrenmatt (Nicoletta Bruttomesso)
  • 1° aprile 2020: “Visita al museo” di Vladimir Nabokov “I viali oscuri” di  Ivan A. Bunin (Francesca Zanella, Juri Tilman)
  • 13 maggio 2020: “Il signore delle mosche” di William Golding; “Il lupo Mannaro” di Angela Carter; "I morti" di James Joyce (Daniela Salvini)
  • 27 maggio 2020: “The Untold lie” da "I racconti dell’Ohio" di Sherwood Anderson;“The short happy life of Francis Macomber” da "I quarantanove racconti" di Ernest Hemingway; “Johnny Panic e la bibbia dei sogni” di Sylvia Plath; “Anna e le sue sorelle” di Woody Allen (Alberto Cantoni)
Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in formato pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013

I più visti

Perché si pagano le tasse

Ovvero "Pagare le tasse è bello" Tommaso Padoa-Schioppa
01 agosto 2018

Viaggio nello Spazio

Viaggiare nello Spazio è un’esperienza affascinante, ma richiede preparazione e nervi saldi.
01 settembre 2019

Sommario Attività ALDAI 2019

AVVISO ASSEMBLEA 2020
In considerazione dell’emergenza coronavirus il Consiglio Direttivo ALDAI nella seduta del 20 aprile, verificata l’impossibilità di svolgere la tradizionale assemblea statutaria entro giugno, ha deliberato di rimandarla a dopo il periodo estivo nella prima data tecnicamente possibile.

01 maggio 2020

Europa 2050: Suicidio Demografico

Che silenzio assordante di fronte al suicidio demografico dell'Europa previsto per il 2050! Le previsioni demografiche delle grandi regioni del mondo per quella data sono conosciute e vengono riaggiornate ogni due anni dalle Nazioni Unite e regolarmente da Eurostat per gli Stati membri dell'UE, ma bisogna essere uno specialista di database per servirsene. Infatti nessuno ne parla, soprattutto a Bruxelles, dove si preferisce produrre rapporti sulle rivoluzioni tecnologiche, lo sviluppo sostenibile e la transizione energetica. Nel seguito spieghiamo come la crescita economica e la produttività non sono messe in relazione con gli indicatori chiave relativi alla popolazione.
01 maggio 2018

Immagini della “Spagnola”, l’ultima terribile pandemia

Foto d’epoca di persone con la mascherina durante l’influenza spagnola del 1918, tra le più mortali nella storia umana con oltre 50 milioni di vittime.
01 aprile 2020