Raffaello, maestro del colore e del disegno

Quando lo incontrai per la prima volta a 17 anni ne fui rapita

Raffaello Sanzio: "La Scuola di Atene", affresco (770×500 cm circa), databile al 1509-1511. Stanza della Segnatura, Palazzi Apostolici, Città del Vaticano

Silvia Bolzoni

Avevo circa 17 anni la prima volta che mi sono trovata di fronte a Raffaello, finalmente dal vero, non una fotografia sul libro d’arte. 
Ero a Vienna e la Madonna del Belvedere era semplicemente magnifica nel suo abito rosso e blu. Ricordo che dopo qualche tempo, il professore venne a chiamarmi per dirmi che la classe si stava allontanando: gli altri avevano visitato due sale adiacenti ma io non me ne ero neppure accorta e il  professore non aveva voluto disturbare la mia concentrazione. 
Non sono mai stata persona incline alla sindrome di Stendhal, e nemmeno quella volta potremmo definirla cosi. Ma fui rapita dalla densità del colore, dalla purezza di quel blu cobalto che sfumava negli abissi dell’oceano per riemergere rosso sangue e schiarirsi nel corallo. E tutto questo mentre alle spalle della Vergine il paesaggio era dolce e sfumato, le montagne azzurrine e il riflesso della luce sulla specchio d’acqua aveva la consistenza del sogno. 
Raffello riesce in ogni cosa che pensa, la sua calma olimpica non abbassa l’emozione, la cristallizza in un apice eterno. 
A 21 anni, sbaraglia il suo maestro, Perugino, sul suo stesso  terreno di uno Sposalizio della Vergine che ci catapulta nel cuore stesso del Rinascimento, a 25 lo chiama il Papa per affrescare le stanze vaticane, a 35 con la Trasfigurazione, benché incompiuta, stravolge l’iconografia conosciuta fino ad allora. 
Maestro del colore e maestro del disegno: ne è prova unica nel panorama artistico il celebre cartone dell’Ambrosiana. Il cartone, totalmente di mano di Raffaello (non come l’affresco in cui probabilmente trovarono posto pennellate dei più fidati collaboratori) ci permette di saggiare la lucidità del suo pensiero, che il disegno forse ancora più della pittura, ci permette di analizzare. 
Nella sua troppo breve carriera, ogni volta che tocca un vertice, ogni volta in cui si pensa: ecco, ha raggiunto il massimo, con la grazia di chi sembra non far mai fatica, lo supera. 
A 500 anni dalla morte si celebra ancora un uomo amato da tutti in vita, troppo amato evidentemente anche dalla morte che l’ha voluto con se, concedendogli in cambio l’immortalità perché si sa che “muore giovane chi è caro agli dei’’. 

SAVE THE DATE

L'incontro Raffaello, mastro del colore e del disegno si terrà in videoconferenza Zoom 
giovedì 18 marzo 2021 alle ore 17.

Per registrarsi e ricevere il link per collegarsi all'evento www.aldai.it

Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in formato pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013

I più visti

Un Paese più illuminato

Nonostante l'emergenza Covid la Lombardia non ha mai smesso di essere la regione con i migliori risultati, l'unica in grado di competere con le altre principali aree industriali europee. Un patrimonio e un modello economico italiano ed europeo da salvaguardare e sostenere con risorse Next Generation EU
01 gennaio 2021

Tassa sul merito

Sempre più onerosa la tassazione sui percettori di redditi oltre 120.000 € secondo la ricerca di Elexia. Sono appena lo 0,8% ma versano il 16% di tutta l'Irpef.
01 gennaio 2021

Equità Fiscale

La settima indagine sulle imposte dirette realizzata da Itinerari Previdenziali rileva che solo metà della popolazione paga almeno 1 euro. I dipendenti contribuiscono per il 51,8% del gettito, i pensionati il 29,4%, gli autonomi e gli altri meno del 19%. La Tavola rotonda del 4 Novembre ha aperto il dibattito sull'Equità Fiscale per far emergere i 120 miliardi di evasione.
02 dicembre 2020

Ruolo italiano nel futuro europeo

Dal fondo delle classifiche europee della competitività, meritocrazia, debito pubblico, ecc. è doveroso chiedersi quale futuro immaginare e preparare per le nuove generazioni
01 dicembre 2020

Dopo il Covid-19: la ricostruzione e il debito

Se, per l’urgenza che impongono gli eventi, la politica coltiva soprattutto il presente, è necessario tenga in perfetta evidenza che il boom del debito che si sta generando andrà tutto a carico delle prossime generazioni. Saranno loro a pagare “la fattura”. E se dovranno pagare il debito, hanno anche il diritto a un ruolo fondamentale nel prefigurare il Paese che vogliono per il futuro. È un obbligo morale e civile da assolvere subito, sempre che la politica sappia portare il Paese fuori dalle secche nel quale, intanto, lo ha impantanato. Scriviamo nel mezzo di una crisi di governo dai contorni incerti, difficili da decifrare
01 febbraio 2021