Le funzioni della banca

La banca, attraverso le proprie funzioni, permette alle persone e alle imprese di condurre ogni attività economica e finanziaria utile a realizzare con successo i propri obiettivi di vita

Photo by Markus Spiske on Unsplash

Pasquale Antonio Ceruzzi

Socio ALDAI-Federmanager - pacer263@gmail.com 
La Banca sta alle persone, alle famiglie e alle imprese come il cuore sta al corpo umano. Fa circolare con continuità e semplicità il denaro nei gangli della vita economica di imprese, comunità, nazioni, assicura il sostentamento, il benessere e lo sviluppo presente e futuro di intere generazioni. 
Le Banche sono imprese che operano sul territorio offrendo servizi bancari, finanziari e assicurativi ai propri clienti al fine di preservare e sviluppare le attività economiche e imprenditoriali.
Le Banche fanno parte della categoria degli “Intermediari Finanziari” il cui obiettivo esplicito è quello di facilitare l’incontro tra la domanda e l’offerta di capitali colmando, ove possibile, eventuali “gap”. 

L’importanza del ruolo della banca nel nostro tessuto sociale ed economico è caratterizzato, primariamente, attraverso cinque funzioni che esplica perseguendo idonee condizioni di equilibrio finanziario, economico e patrimoniale: 
1. La Funzione Creditizia
Costituita dalla raccolta di fondi (risparmio) tra il pubblico (unità in surplus quali le famiglie) e il conseguente impiego (credito) presso operatori in deficit (tipicamente imprese).
Su questa funzione si innestano due funzioni accessorie:
  • la trasformazione delle scadenze: le banche trasformano il risparmio raccolto in larga parte tramite i depositi a vista in crediti a scadenza (utili per le imprese);
  • l’assunzione dei rischi: le banche concedono prestiti a proprio rischio utilizzando prevalentemente denaro altrui.

2. La Funzione Monetaria
È la funzione che la banca svolge nel mettere a disposizione dei propri clienti strumenti sostitutivi della moneta utilizzabili nelle transazioni commerciali e in genere nei pagamenti. In particolare:
  • la moneta bancaria: rappresentata dagli assegni bancari;
  • la moneta scritturale: rappresentata dalle disposizioni di incasso, dalle disposizioni di pagamento, dalle linee di fido, dall’utilizzo delle carte di credito (o di pagamento).
L’incremento della funzione monetaria crea il moltiplicatore dei depositi, quel meccanismo per il quale al moltiplicarsi dei depositi (grazie alla funzione monetaria) si accresce il credito erogato che a sua volta fa aumentare i depositi e così via.

3. La Funzione di Investimento
È la funzione che la banca effettua con cospicui investimenti in titoli a breve, a medio e a lungo termine di società (emittenti) che costituiscono il tessuto produttivo del Paese e il bacino di sostegno di quell’occupazione che alimenta i consumi i quali, a loro volta, costituiscono la domanda in grado di incontrare l’offerta di beni e servizi delle imprese. Gli investimenti a lunga durata finanziano in maniera durevole, permanente e stabile le imprese e il sistema economico di un Paese.

4. La Funzione di Prestazione di servizi
Questa funzione può essere rappresentata attraverso 4 macrocategorie che sono offerte ai clienti (vedi tabella).
5. Funzione di trasmissione della politica monetaria della Banca Centrale al mercato
Benché la meno popolare, è la funzione più importante dal punto di vista macroeconomico. In quanto la banca, in concerto con la BCE, trasferisce ai suoi clienti le decisioni assunte da quest’ultima, a cominciare dall’applicazione dei tassi di interesse attivi e passivi e dei tassi di cambio. Poi, asseconda le richieste della BCE, siano esse riserve patrimoniali prudenziali, siano esse relative a vendita e acquisto a termine di obbligazioni e titoli verso la BCE per operazioni cosiddette di “mercato aperto”.

Da questo sintetico riepilogo ci rendiamo conto che la banca svolge un ruolo molto più importante e ampio del percepito comune, spesso legato all’attività quotidiana dell’utilizzo del conto corrente e della “moneta bancaria”. 
La banca è una impresa che sostiene, integra e sviluppa l’attività economica di persone, famiglie e imprese offrendo servizi in continua evoluzione che devono tenere conto dei differenti obiettivi temporali di ciascuno, di esigenze che mutano con i cicli economici e del successo, mai costante, di chi si confronta in un mercato globalizzato e competitivo.
SAVE THE DATE

L'incontro Le funzioni della banca si terrà in videoconferenza Zoom 
martedì 23 marzo 2021 alle ore 17.

Cliccare qui per  registrarsi e ricevere il link per collegarsi all'evento www.aldai.it

Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in formato pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013

I più visti

Un Paese più illuminato

Nonostante l'emergenza Covid la Lombardia non ha mai smesso di essere la regione con i migliori risultati, l'unica in grado di competere con le altre principali aree industriali europee. Un patrimonio e un modello economico italiano ed europeo da salvaguardare e sostenere con risorse Next Generation EU
01 gennaio 2021

Tassa sul merito

Sempre più onerosa la tassazione sui percettori di redditi oltre 120.000 € secondo la ricerca di Elexia. Sono appena lo 0,8% ma versano il 16% di tutta l'Irpef.
01 gennaio 2021

Equità Fiscale

La settima indagine sulle imposte dirette realizzata da Itinerari Previdenziali rileva che solo metà della popolazione paga almeno 1 euro. I dipendenti contribuiscono per il 51,8% del gettito, i pensionati il 29,4%, gli autonomi e gli altri meno del 19%. La Tavola rotonda del 4 Novembre ha aperto il dibattito sull'Equità Fiscale per far emergere i 120 miliardi di evasione.
02 dicembre 2020

Ruolo italiano nel futuro europeo

Dal fondo delle classifiche europee della competitività, meritocrazia, debito pubblico, ecc. è doveroso chiedersi quale futuro immaginare e preparare per le nuove generazioni
01 dicembre 2020

Dopo il Covid-19: la ricostruzione e il debito

Se, per l’urgenza che impongono gli eventi, la politica coltiva soprattutto il presente, è necessario tenga in perfetta evidenza che il boom del debito che si sta generando andrà tutto a carico delle prossime generazioni. Saranno loro a pagare “la fattura”. E se dovranno pagare il debito, hanno anche il diritto a un ruolo fondamentale nel prefigurare il Paese che vogliono per il futuro. È un obbligo morale e civile da assolvere subito, sempre che la politica sappia portare il Paese fuori dalle secche nel quale, intanto, lo ha impantanato. Scriviamo nel mezzo di una crisi di governo dai contorni incerti, difficili da decifrare
01 febbraio 2021