West Side Story

Nel 1957 a Broadway, New York, il coreografo Jerome Robbins mette in scena il musical West Side Story, che diventa un successo strepitoso con 732 serate di tutto esaurito

Josef Oskar

Responsabile Musica - Gruppo Cultura
È una versione contemporanea del capolavoro di William Shakespeare che vede, come protagonisti, un Romeo polacco-americano
e una portoricana Giulietta, coinvolti in una guerra di bande nella Grande Mela. Il libretto è di un ventisettenne, Stephen Sondheim, e le musiche sono del celebre Leonard Bernstein.
Per la prima volta Robbins fa un uso sistematico della danza per raccontare la trama. Lo spettacolo si apre con un prologo coreografico privo di dialoghi per narrare l’amara faida tra Gli Squali portoricani (i Capuleti) e i polacchi Jets (i Montecchi). Mentre la danza in palestra diventa una frizzante competizione tra le bande rivali, Tony (Romeo), co-fondatore dei Jets, vede per la prima volta Maria (Giulietta), sorella del capo degli Squali, Bernardo. Affascinati l’uno dall’altra, tutto intorno a Maria e Tony svanisce, e i due si abbandonano a una dolce danza che si conclude con un emozionante bacio. Un bacio che scatena però la violenta 
reazione dei due clan che riporta i due innamorati stregati dal loro amore, e il pubblico, alla realtà.
Da questo momento la storia ricalca per lo più il copione del grande drammaturgo inglese. Non poteva mancare la famosa scena del balcone, che è trasformato in una architettura metropolitana. La tragedia segue il suo corso in un contesto americano del ventesimo secolo. Il finale, che non svelo, è ovviamente tragico, benché assai diverso da Romeo e Giulietta. Sono ormai passati molti anni dall’apparizione dell’opera nei teatri americani, e forse, per qualcuno, la storia di Tony e Maria può ancora riservare qualche sorpresa.
A parte la trama, elemento fondamentale dell’opera, è senz’altro la musica originale che Leonard Bernstein lancia in una serie di canzoni e motivi che raggiungeranno celebrità planetaria. La coreografia moderna di Robbins farà epoca, e dopo West Side Story la danza a Broadway sarà del tutto rivoluzionata. Lo spettacolo teatrale passa dal palcoscenico al grande schermo nel 1961 e in tutto il mondo inizia la corsa al botteghino per acquistare biglietti. Tony è interpretato da Richard Beymer e Maria da una indimenticabile Natalie Wood (doppiata nelle canzoni dal soprano del momento Marni Nixon, la quale ha prestato la voce anche a Audrey Hepburn in My Fair Lady). Restano indimenticabili alcuni motivi come “Tonight”, “Maria”, “I Feel Pretty”, “America” e altri. E non sono mancate anche le registrazioni discografiche, la più famosa delle quali condotta da Bernstein stesso, con un cast d’eccezione formato dalla neozelandese di origine 
Maori, Kiri Te Kanawa nella parte di Maria, e il catalano Josè Carreras come Tony.
Questo musical è il secondo del Ciclo Musical (dopo My Fair Lady a marzo su Zoom) e lo presenteremo a novembre augurandoci di poterlo fare in presenza in Sala Viscontea. È ancora presto per fare previsioni ma, pandemia permettendo, speriamo di farcela.

SAVE THE DATE

L’incontro West Side Story  si terrà in videoconferenza Zoom

giovedì 25 novembre 2021 alle ore 17.00

Per registrarsi, ricevere il link  e collegarsi all’evento CLICCARE QUI

Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in formato pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013

I più visti

Dalla scuola al futuro lavoro

La scuola è ripartita e la Confederazione Italiana della Dirigenza Pubblica e Privata CIDA ha organizzato il 30 settembre una giornata di incontri e una tavola rotonda per promuovere le iniziative, realizzate con l'impegno dei manager volontari, per favorire la preparazione dei giovani per il futuro lavoro.
01 ottobre 2021

I bonus non riducono la povertà

Pur considerando l’epidemia Covid il benessere è indubbiamente aumentato negli ultimi 15 anni, ma l’incidenza della povertà individuale è triplicata nello stesso periodo, passando dal 3% ad oltre il 9% secondo l'ISTAT.
01 ottobre 2021

Giuseppe Sala incontra i dirigenti della metropoli milanese

Lunedì 20 settembre dalle 17 alle 18 si è tenuto in diretta streaming il primo incontro con il candidato per il rinnovo della carica di Sindaco di Milano
01 ottobre 2021

Riforma IRPEF: a che punto siamo?

La riforma fiscale deve essere l’occasione per dimostrare le reali volontà e capacità di fare dell’Italia un Paese più moderno ed efficiente e di rispettare gli impegni presi nell’ambito del PNRR. Occorre innescare una strutturale crescita dell’economia, senza la quale i redditi resteranno fermi o, addirittura, si ridurranno. Occorre restituire alla politica fiscale il ruolo di strumento destinato a sostenere il mercato, incentivando la crescita e correggendo le diseguaglianze.
01 ottobre 2021

Una riforma fiscale equa ed efficace

Sull’equità fiscale ci sono opinioni diverse, ma l’equità non è solo argomento d’opinione, bensì principio fondamentale di uno Stato civile, partecipativo e solidale. La riforma fiscale in elaborazione è l’opportunità per una fiscalità nel rispetto di tutti i cittadini. Realtà o chimera?
02 settembre 2021