Novità Previndai per i familiari fiscalmente a carico

Servizio Sindacale ALDAI

Il progetto è stato presentato nei primi mesi del 2018 ed è diventato operativo da maggio: i dirigenti aderenti a Previndai possono iscrivere al Fondo i familiari fiscalmente a carico. Una grande opportunità per tutti, anche e soprattutto giovani, giovanissimi e bambini che possono beneficiare di un “antidoto al rischio previdenziale”; una forma di solidarietà intergenerazionale che consente una precoce iscrizione al secondo pilastro del welfare, garantendo con lungimiranza la costruzione del futuro previdenziale.
Di seguito le caratteristiche principali di questa grande novità.

FFC (Familiari Fiscalmente a Carico) *

  • CHI SONO: sono considerati fiscalmente a carico i soggetti indicati all'art. 12 del DPR. n. 917 /1986 (TUIR), a condizione che possiedano un reddito complessivo non superiore a
    € 2.840,51 annui, al lordo degli oneri deducibili:
    • il coniuge non legalmente ed effettivamente separato, i figli (anche non conviventi);
    • il coniuge legalmente ed effettivamente separato, i discendenti dei figli, i genitori, i generi e le nuore, il suocero e la suocera, i fratelli e le sorelle, i nonni e le nonne (conviventi o che ricevano assegni alimentari non risultanti da provvedimenti dell'autorità giudiziaria).
  • PERCHÉ ISCRIVERE UN FFC: per estendere anche a loro i vantaggi legati alla costituzione di una posizione di previdenza complementare; è importante soprattutto per le nuove generazioni che potranno così beneficiare di una precoce iscrizione alla previdenza complementare ed avviare un percorso pensionistico sin dalla giovane età. 
  • ISCRIZIONE: il dirigente iscritto che intende iscrivere un FFC utilizza un'apposita funzione presente nella propria area riservata del sito. Il FFC, al quale il Fondo ha trasmesso le credenziali di accesso nella propria area riservata, procede all'adesione compilando l'apposito modulo. Il FFC, la cui adesione risulti perfezionata, dispone di 30 giorni per recedere. Nel caso di FFC minorenne o sottoposto a tutela, tutti gli adempimenti sono posti in essere dal soggetto esercente la potestà genitoriale o dal tutore. 
  • CONTRIBUZIONE
    • FFC minorenne: versamenti solo dal dirigente iscritto;
    • FFC maggiorenne: versamenti da:
      • dirigente iscritto (anche se ha perso i requisiti di partecipazione al Fondo);
      • FFC maggiorenne;
    • Ex FFC maggiorenne: versamenti solo a proprio carico tramite la prosecuzione volontaria.
L'ammontare e la periodicità della contribuzione sono determinate dai soggetti legittimati nel rispetto delle seguenti condizioni:
  • primo versamento almeno pari a euro 300,00;
  • successivi versamenti almeno pari a euro 100,00.
  • MODALITÀ DI VERSAMENTO: il versamento deve essere effettuato con bonifico bancario utilizzando le coordinate bancarie indicate sul modulo di versamento disponibile nell’area riservata del sito. È necessario porre particolare attenzione alla causale del bonifico in caso di pagamenti a favore di più familiari.
  • INVESTIMENTO DEI CONTRIBUTI: i FFC hanno a disposizione i comparti Bilanciato e Sviluppo. I contributi versati vengono investiti nel/i comparto/i finanziari scelti all'atto dell’adesione. La scelta può essere modificata con le modalità e condizioni previste dallo Statuto del Fondo.
  • DEDUCIBILITÀ DEI CONTRIBUTI
    • FFC senza disponibilità di reddito: la deducibilità spetta al dirigente iscritto, fermo restando l’importo di
      € 5.164,57 complessivamente stabilito per legge; l’importo non dedotto deve essere comunicato al Fondo da parte del FFC tramite l’apposito modulo.
    • FFC con disponibilità di reddito non superiore a
      € 2.840,51
      : la deducibilità spetta, in primis, al FFC e, solo dopo aver esaurito il suo reddito, spetta - per l’ammontare da questi non dedotto e fermo restando l’importo di € 5.164,57 complessivamente stabilito per legge - al dirigente iscritto, nel rispetto del limite citato; l’importo non dedotto deve essere comunicato al Fondo da parte del FFC tramite l’apposito modulo.
    • Familiare con disponibilità di reddito superiore a
      € 2.840,51(e quindi da non considerarsi fiscalmente a carico)
      : la deducibilità spetta direttamente al familiare ex fiscalmente a carico nel rispetto del massimale di
      € 5.164,57; l’importo non dedotto deve essere comunicato al Fondo da parte del familiare ex fiscalmente a carico.
  • SPESE: le spese gravanti sul FFC sono le medesime previste per il dirigente iscritto (art. 7 dello Statuto del Fondo).
  • PERDITA DELLA CONDIZIONE DI FAMILIARE A CARICO: nel caso in cui il familiare a carico perda la condizione di FFC, il dirigente iscritto dovrà tempestivamente darne comunicazione al Fondo tramite specifico modulo disponibile nell’area riservata del sito.
  • PRESTAZIONI: il FFC può usufruire delle prerogative individuali e delle prestazioni previste dalla normativa di riferimento e dallo Statuto del Fondo, ad eccezione del riscatto previsto dall’art. 12, comma 2, lett. d) dello Statuto stesso.

Per dettagli o informazioni consultare:
www.previndai.it
  • Documento di regolamentazione della partecipazione al Fondo dei Familiari Fiscalmente a Carico.
  • Vademecum per l’iscrizione.

* Versione 11 luglio 2018 - Fonte Previndai


Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in formato pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013

I più visti

Pochi milioni dal taglio delle pensioni svelano le reali motivazioni

La proposta di riduzione delle pensioni va giustificato per motivi contributivi, serve solo per fare cassa, oppure giustizia sommaria ? I pensionati sono ben disposti a fare solidarietà, purché questa sia condivisa da tutti, tutti, ma proprio tutti. I prelievi discriminatori e non giustificati da abusi previdenziali dimostrati non sono accettabili.
09 ottobre 2018

Soccorso rosso alle pensioni

Accantonato il ricalcolo delle pensioni, per i rischi di incostituzionalità, il Governo ripropone il contributo di solidarietà, anch'esso sempre più incostituzionale per l'evidente abuso.
01 novembre 2018

Tavolo di confronto sull’ipotesi dell’ennesimo contributo di solidarietà sulle pensioni

Secondo la Corte Costituzionale, un contributo di solidarietà è consentito, solo se si presenta come “misura contingente, straordinaria e temporalmente circoscritta” e soprattutto se viene “utilizzato come misura una tantum”. L’ipotesi di un 9° contributo di solidarietà impone una riflessione sulla ripetitività del provvedimento per risolvere un dichiarato stato di crisi che la Costituzione indica di affrontare con l’aumento delle imposte.
01 novembre 2018

Il ricalcolo delle pensioni divide il Consiglio dei Ministri

La questione che si dibatte in queste ore divide MS5 e Lega. Le osservazioni critiche che sono state formulate in tutte le audizioni di alcuni giorni fa nella Commissione Lavoro alla Camera sulla proposta di ricalcolo delle pensioni (n.1071), avrebbero dovuto portare ad una revisione profonda del testo presentato. Se non addirittura al ritiro. Il Governo, invece, si è impossessato della proposta parlamentare e ha deciso una improvvisa accelerazione dell’operazione.
01 novembre 2018