Novità Previndai per i familiari fiscalmente a carico

Servizio Sindacale ALDAI

Il progetto è stato presentato nei primi mesi del 2018 ed è diventato operativo da maggio: i dirigenti aderenti a Previndai possono iscrivere al Fondo i familiari fiscalmente a carico. Una grande opportunità per tutti, anche e soprattutto giovani, giovanissimi e bambini che possono beneficiare di un “antidoto al rischio previdenziale”; una forma di solidarietà intergenerazionale che consente una precoce iscrizione al secondo pilastro del welfare, garantendo con lungimiranza la costruzione del futuro previdenziale.
Di seguito le caratteristiche principali di questa grande novità.

FFC (Familiari Fiscalmente a Carico) *

  • CHI SONO: sono considerati fiscalmente a carico i soggetti indicati all'art. 12 del DPR. n. 917 /1986 (TUIR), a condizione che possiedano un reddito complessivo non superiore a
    € 2.840,51 annui, al lordo degli oneri deducibili:
    • il coniuge non legalmente ed effettivamente separato, i figli (anche non conviventi);
    • il coniuge legalmente ed effettivamente separato, i discendenti dei figli, i genitori, i generi e le nuore, il suocero e la suocera, i fratelli e le sorelle, i nonni e le nonne (conviventi o che ricevano assegni alimentari non risultanti da provvedimenti dell'autorità giudiziaria).
  • PERCHÉ ISCRIVERE UN FFC: per estendere anche a loro i vantaggi legati alla costituzione di una posizione di previdenza complementare; è importante soprattutto per le nuove generazioni che potranno così beneficiare di una precoce iscrizione alla previdenza complementare ed avviare un percorso pensionistico sin dalla giovane età. 
  • ISCRIZIONE: il dirigente iscritto che intende iscrivere un FFC utilizza un'apposita funzione presente nella propria area riservata del sito. Il FFC, al quale il Fondo ha trasmesso le credenziali di accesso nella propria area riservata, procede all'adesione compilando l'apposito modulo. Il FFC, la cui adesione risulti perfezionata, dispone di 30 giorni per recedere. Nel caso di FFC minorenne o sottoposto a tutela, tutti gli adempimenti sono posti in essere dal soggetto esercente la potestà genitoriale o dal tutore. 
  • CONTRIBUZIONE
    • FFC minorenne: versamenti solo dal dirigente iscritto;
    • FFC maggiorenne: versamenti da:
      • dirigente iscritto (anche se ha perso i requisiti di partecipazione al Fondo);
      • FFC maggiorenne;
    • Ex FFC maggiorenne: versamenti solo a proprio carico tramite la prosecuzione volontaria.
L'ammontare e la periodicità della contribuzione sono determinate dai soggetti legittimati nel rispetto delle seguenti condizioni:
  • primo versamento almeno pari a euro 300,00;
  • successivi versamenti almeno pari a euro 100,00.
  • MODALITÀ DI VERSAMENTO: il versamento deve essere effettuato con bonifico bancario utilizzando le coordinate bancarie indicate sul modulo di versamento disponibile nell’area riservata del sito. È necessario porre particolare attenzione alla causale del bonifico in caso di pagamenti a favore di più familiari.
  • INVESTIMENTO DEI CONTRIBUTI: i FFC hanno a disposizione i comparti Bilanciato e Sviluppo. I contributi versati vengono investiti nel/i comparto/i finanziari scelti all'atto dell’adesione. La scelta può essere modificata con le modalità e condizioni previste dallo Statuto del Fondo.
  • DEDUCIBILITÀ DEI CONTRIBUTI
    • FFC senza disponibilità di reddito: la deducibilità spetta al dirigente iscritto, fermo restando l’importo di
      € 5.164,57 complessivamente stabilito per legge; l’importo non dedotto deve essere comunicato al Fondo da parte del FFC tramite l’apposito modulo.
    • FFC con disponibilità di reddito non superiore a
      € 2.840,51
      : la deducibilità spetta, in primis, al FFC e, solo dopo aver esaurito il suo reddito, spetta - per l’ammontare da questi non dedotto e fermo restando l’importo di € 5.164,57 complessivamente stabilito per legge - al dirigente iscritto, nel rispetto del limite citato; l’importo non dedotto deve essere comunicato al Fondo da parte del FFC tramite l’apposito modulo.
    • Familiare con disponibilità di reddito superiore a
      € 2.840,51(e quindi da non considerarsi fiscalmente a carico)
      : la deducibilità spetta direttamente al familiare ex fiscalmente a carico nel rispetto del massimale di
      € 5.164,57; l’importo non dedotto deve essere comunicato al Fondo da parte del familiare ex fiscalmente a carico.
  • SPESE: le spese gravanti sul FFC sono le medesime previste per il dirigente iscritto (art. 7 dello Statuto del Fondo).
  • PERDITA DELLA CONDIZIONE DI FAMILIARE A CARICO: nel caso in cui il familiare a carico perda la condizione di FFC, il dirigente iscritto dovrà tempestivamente darne comunicazione al Fondo tramite specifico modulo disponibile nell’area riservata del sito.
  • PRESTAZIONI: il FFC può usufruire delle prerogative individuali e delle prestazioni previste dalla normativa di riferimento e dallo Statuto del Fondo, ad eccezione del riscatto previsto dall’art. 12, comma 2, lett. d) dello Statuto stesso.

Per dettagli o informazioni consultare:
www.previndai.it
  • Documento di regolamentazione della partecipazione al Fondo dei Familiari Fiscalmente a Carico.
  • Vademecum per l’iscrizione.

* Versione 11 luglio 2018 - Fonte Previndai


Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in formato pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013

I più visti

Pensioni: è tutto come prima, ma anche no

Non vi è Stato sociale senza un'adeguata fiscalità. Siamo in presenza di obiettivi che domandano risorse strutturali di notevole entità che implicano misure basate sulla fiscalità generale.
01 marzo 2019

I tagli alle pensioni, ovvero punire la vecchiaia

Un Paese che taglia le pensioni, non ne garantisce il potere d'acquisto nel tempo e non investe in politiche attive di sviluppo s’incammina verso la regressione economica e la permanente conflittualità sociale
01 febbraio 2019

Il bilancio del sistema previdenziale presentato alla Camera dei Deputati

Una presentazione istruttiva per chi governa.
01 marzo 2019

Europa 2050: Suicidio Demografico

Che silenzio assordante di fronte al suicidio demografico dell'Europa previsto per il 2050! Le previsioni demografiche delle grandi regioni del mondo per quella data sono conosciute e vengono riaggiornate ogni due anni dalle Nazioni Unite e regolarmente da Eurostat per gli Stati membri dell'UE, ma bisogna essere uno specialista di database per servirsene. Infatti nessuno ne parla, soprattutto a Bruxelles, dove si preferisce produrre rapporti sulle rivoluzioni tecnologiche, lo sviluppo sostenibile e la transizione energetica. Nel seguito spieghiamo come la crescita economica e la produttività non sono messe in relazione con gli indicatori chiave relativi alla popolazione.
01 maggio 2018

Programma Eventi ALDAI - Federmanager

I colleghi dei Gruppi che promuovono iniziative di aggregazione dei senior propongono un articolato programma di eventi. Non solo occasioni per approfondire e condividere le passioni e sviluppare il network delle conoscenze, ma anche possibilità di svolgere un ruolo consapevole e attivo nella società.

 
01 gennaio 2019