Ti diciamo perché firmare la petizione per salvare il ceto medio

L'accanimento progressivo nei confronti di chi si è impegnato nello studio e nel lavoro inizia dal reddito mensile netto superiore a 2.000 euro con tassazione, tagli sia alla rivalutazione delle pensioni che alla deducibilità delle spese. Per chi ha a cuore il futuro del Paese non resta che firmare la petizione.

A cura della redazione


Sosteniamo la raccolta firme lanciata insieme a CIDA per chiedere al Governo misure più eque e sostenibili per i nostri dirigenti pensionati e per i colleghi in attività che sperano di arrivare ad una pensione dignitosa.

Clicca 
oppure usa il link  
per accedere alla pagina del sito Federmanager dedicato alle novità per i manager in pensione.

Clicca poi il pulsante giallo con il triangolo bianco, simile a quello indicato nella figura e alza il volume per ascoltare 
cinque minuti di intervista 
alla direttrice CIDA Teresa Lavanga e al 
segretario CIDA Lombardia Franco Del Vecchio.

Le argomentazioni che sentirai ti permetteranno di capire le ragioni della proposta e potrai decidere consapevolmente se firmare la petizione aperta a tutti i lavoratori e pensionati con più d 2.000 euro mensili.

Clicca "Salviamo il ceto medio" e firma la petizione.
Non è necessario versare alcun contributo.

Passaparola nell'interesse tuo e di tutto il ceto medio
Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in formato pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013

I più visti

Perché dicono che la Terra è piatta

Gruppo Cultura – Sezione Scienza
01 settembre 2023

Alessandro Magno: grande condottiero ma...

...a mio parere, molto discutibile uomo.
03 agosto 2022

Fissata l’udienza della Corte Costituzionale per il ricorso contro il blocco parziale perequazione e il taglio delle pensioni

Per la quarta volta a distanza di pochi anni (2008, 2015 e 2017) la Corte Costituzionale è chiamata a pronunciarsi su provvedimenti dichiarati dalla stessa del tutto eccezionali, nel senso che non siano ripetitivi e non si traducano “in un meccanismo di alimentazione del sistema di previdenza”. Gli interventi sulle pensioni demoliscono la certezza del diritto.
01 giugno 2020

L’inflazione è una tassa ingiusta sugli onesti

L'inflazione è la conseguenza di uno squilibrio economico generato dai cambiamenti di mercato che comporta l'erosione dei capitali monetari e la perdita del potere di acquisto dei redditi di lavoro dipendente e delle pensioni
01 agosto 2022

Far cassa con le pensioni impoverisce il Paese

Ci deve essere un modo per invertire la rotta e puntare allo sviluppo e benessere per tutti, senza danneggiare sempre i soliti
31 gennaio 2024