Risalgono i contagi

Le vaccinazioni hanno ridotto i decessi, ma non hanno estinto l'epidemia che minaccia le festività Natalizie con una quarta ondata. Questa volta non ci faremo prendere di sorpresa, ma abbiamo veramente imparato a convivere con i virus?


Franco Del Vecchio

Coordinatore comitato di redazione Dirigenti Industria – rivista@aldai.it

A molti il virus ha cambiato la vita, per i decessi e le conseguenze del contagio, ma anche per i nuovi stili di vita e lo svolgimento delle attività lavorative in Smart Working che hanno modificato in modo irreversibile il modo di vivere e lavorare.

Un giovane trentenne inizialmente costretto dall'impresa a lavorare fino a 4 giorni alla settimana nei periodi di maggiore diffusione del virus, ha trovato un nuovo lavoro senza nemmeno un colloquio in presenza. Ha gestito tutte le pratiche per l'assunzione a distanza e dopo due mesi non ha ancora visitato la sede della società nel centro di Milano a 30 minuti da casa, diventata permanente sede di lavoro.

La necessità di distanziamento per far fronte alla pandemia ha dimostrato che si ottengono risultati migliori a distanza: minori perdite di tempo e costi per i viaggi casa-lavoro; minori costi delle aziende per costosi uffici, e migliori risultati.

Nonostante i "bla, bla" sulle iniziative "Green" per la salvaguardia dell'ambiente, negli ultimi due anni la pandemia ha inciso concretamente nella riduzione di combustibili per il trasporto privato e pubblico per il pendolarismo casa-ufficio.

Per gli evidenti vantaggi per i lavoratori, soprattutto quelli dell'economia della conoscenza, per i benefici a favore delle imprese, dell'ambiente e della collettività, i cambiamenti imposti dalla pandemia diventeranno irreversibili.

Ma se ci siamo ormai abituati al nuovo modo di vivere e lavorare, non siamo altrettanto certi di aver preso le misure al virus, che continua a mutare vanificando le certezze sulla durata delle difese e imponendo terze dosi e nuovi studi.

Insomma, come sempre accade, c'è chi ritiene che il peggio sia passato e chi teme nuove ondate.

E tu cosa pensi? Abbiamo imparato a convivere con i virus, oppure no?

Clicca e partecipa in modo anonimo al Sondaggio Flash e potrai vedere subito, in prima pagina, il risultato dell'indagine con i lettori.
Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in formato pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013

I più visti

Hackerare una password? Facilissimo!

Il primo elemento che dobbiamo tenere sempre ben in mente è che sfortunatamente le password di otto caratteri non sono più sicure come nel passato
01 ottobre 2023

Perché dicono che la Terra è piatta

Gruppo Cultura – Sezione Scienza
01 settembre 2023

Perequazione 2024 una stangata

Assalto al ceto medio
01 aprile 2024

Il rapporto Censis-CIDA sul ceto medio impone serie riflessioni sulle priorità del Belpaese

Un'operazione verità che abbatte le narrazioni mediatiche di moda, per analizzare l’identità e il peso sociale del motore di sviluppo al quale sono richiesti crescenti sacrifici per sostenere un Paese che vive di stress elettorale in un'economia sotto la linea di galleggiamento, senza visione e strategia di futuro. Ecco in sintesi quanto emerge dal rapporto Censis-CIDA
01 luglio 2024

Politiche fiscali: iniziative in difesa del ceto medio

La Petizione "Salviamo il ceto medio", promossa da CIDA e Federazioni associate, ha evidenziato il malessere dei lavoratori e dei pensionati del ceto medio che si sentono penalizzati da un sistema fiscale iniquo. Il Rapporto finale Censis-CIDA "Il valore del ceto medio per l’economia" approfondisce queste problematiche. Tra le raccomandazioni, il Rapporto propone una riforma fiscale urgente per incentivare investimenti, lavoro e studio; e per ridurre la pressione fiscale sulle fasce di reddito medio-alte. Si auspica che il decisore politico accolga queste istanze per rafforzare il ruolo del ceto medio nell'economia e nella vita sociale del Paese
01 luglio 2024