Risalgono i contagi

Le vaccinazioni hanno ridotto i decessi, ma non hanno estinto l'epidemia che minaccia le festività Natalizie con una quarta ondata. Questa volta non ci faremo prendere di sorpresa, ma abbiamo veramente imparato a convivere con i virus?


Franco Del Vecchio

Coordinatore comitato di redazione Dirigenti Industria – rivista@aldai.it

A molti il virus ha cambiato la vita, per i decessi e le conseguenze del contagio, ma anche per i nuovi stili di vita e lo svolgimento delle attività lavorative in Smart Working che hanno modificato in modo irreversibile il modo di vivere e lavorare.

Un giovane trentenne inizialmente costretto dall'impresa a lavorare fino a 4 giorni alla settimana nei periodi di maggiore diffusione del virus, ha trovato un nuovo lavoro senza nemmeno un colloquio in presenza. Ha gestito tutte le pratiche per l'assunzione a distanza e dopo due mesi non ha ancora visitato la sede della società nel centro di Milano a 30 minuti da casa, diventata permanente sede di lavoro.

La necessità di distanziamento per far fronte alla pandemia ha dimostrato che si ottengono risultati migliori a distanza: minori perdite di tempo e costi per i viaggi casa-lavoro; minori costi delle aziende per costosi uffici, e migliori risultati.

Nonostante i "bla, bla" sulle iniziative "Green" per la salvaguardia dell'ambiente, negli ultimi due anni la pandemia ha inciso concretamente nella riduzione di combustibili per il trasporto privato e pubblico per il pendolarismo casa-ufficio.

Per gli evidenti vantaggi per i lavoratori, soprattutto quelli dell'economia della conoscenza, per i benefici a favore delle imprese, dell'ambiente e della collettività, i cambiamenti imposti dalla pandemia diventeranno irreversibili.

Ma se ci siamo ormai abituati al nuovo modo di vivere e lavorare, non siamo altrettanto certi di aver preso le misure al virus, che continua a mutare vanificando le certezze sulla durata delle difese e imponendo terze dosi e nuovi studi.

Insomma, come sempre accade, c'è chi ritiene che il peggio sia passato e chi teme nuove ondate.

E tu cosa pensi? Abbiamo imparato a convivere con i virus, oppure no?

Clicca e partecipa in modo anonimo al Sondaggio Flash e potrai vedere subito, in prima pagina, il risultato dell'indagine con i lettori.
Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in formato pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013

I più visti

Sei anni in difesa delle pensioni

A conclusione del mandato, il Presidente del Comitato Nazionale di Coordinamento dei Gruppi Pensionati ripercorre le iniziative e le emozioni del lavoro con i colleghi, per salvaguardarne i diritti e per creare migliori condizioni per i futuri pensionati
01 dicembre 2021

I bonus non riducono la povertà

Pur considerando l’epidemia Covid il benessere è indubbiamente aumentato negli ultimi 15 anni, ma l’incidenza della povertà individuale è triplicata nello stesso periodo, passando dal 3% ad oltre il 9% secondo l'ISTAT.
11 ottobre 2021

Pensioni oggi e prospettive secondo l’OCSE

Arrivano con il nuovo anno le buone notizie per i pensionati. Dal primo gennaio 2022 le pensioni saranno rivalutate all’ 1,7%. La rivalutazione prevista si applica, in via provvisoria, in base al tasso d’inflazione dell’anno precedente. Ma la cifra corretta i pensionati la vedranno con il conguaglio relativo alle mensilità dei primi mesi del 2022.
01 gennaio 2022

Buone nuove per i pensionati

Il presidente dell'Inps, Pasquale Tridico, annuncia la rivalutazione delle pensioni dell'1,7%, dal 1 gennaio 2022, riprendendo l'inflazione intercorsa
20 dicembre 2021

IRPEF, un conto da oltre 172 miliardi (e a pagare sono i soliti noti)

Presentato l’Osservatorio Itinerari Previdenziali dedicato all’analisi delle dichiarazioni dei redditi ai fini IRPEF: mentre si discute di come ridurre ulteriormente il carico fiscale che grava sulle loro spalle, il 78,82% degli italiani dichiara redditi fino a 29mila euro, corrispondendo solo il 28,36% di tutta l’IRPEF, un’imposta neppure sufficiente a coprire la spesa per le principali funzioni di welfare
01 dicembre 2021