Stella al merito del lavoro 2020

Il 1° maggio 2020 sarà consegnata la "Stella al Merito del Lavoro" a coloro che avranno presentato la domanda e saranno ammessi dalla commissione istituita dal Ministero del Lavoro. Di seguito le istruzioni.

Il 1° maggio 2020, come di consueto, saranno consegnate le decorazioni della "Stella al Merito del Lavoro" secondo le norme della legge 5 febbraio 1992, n.143. Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, come da circolare ministeriale (Prot. N. 12492/2019) del 24 luglio 2019 ha affidato l’istruttoria alle Direzioni Interregionali del Lavoro.
La candidatura dovrà essere corredata dall’interessato o dall’azienda proponente e completa dei seguenti documenti in carta semplice:
  1. Autocertificazione relativa alla nascita;
  2. Autocertificazione relativa alla cittadinanza italiana;
  3. Attestato di servizio o dei servizi prestati presso una o più aziende fino alla data della proposta o del pensionamento indicando l’attuale o l’ultima sede di lavoro;
  4. Attestato relativo alla professionalità, perizia, laboriosità e condotta morale in azienda;
  5. Curriculum vitae;
  6. Codice fiscale;
  7. Autorizzazione da parte dell’interessato al trattamento dei dati personali (artt. 13-14 Regolamento (UE) 2016/679);
  8. Residenza, recapito telefonico ed e-mail ove disponibile.
*Le attestazioni di cui ai punti 3) e 4) ed eventualmente il curriculum vitae di cui al punto 5) possono essere anche contenuti in un documento unico rilasciato dalla Ditta presso cui il lavoratore presta servizio.
 
PRESENTAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE
  1. La documentazione in originale dovrà essere inviata o consegnata, direttamente dall'interessato, alla Direzione Interregionale del Lavoro, all'indirizzo sottoriportato, non oltre il termine tassativo del 31 ottobre 2019.
  2. Una copia della documentazione dovrà essere inviata o consegnata a:
    ALDAI, all'attenzione di Riccardo Fanton
    Via Larga, 31 - 20122 Milano
    tel. 02/58376.212 - fax 02/5830.7557
    Un rappresentante CIDA sarà persente nella Commissione per l'istruttoria delle pratiche.
Si invitano le Sedi Federmanager della Lombardia a segnalare entro il 31 ottobre 2019 i nominativi dei loro associati intenzionati a candidarsi al conferimento.
Si rammenta infine che le proposte avanzate per gli anni decorsi sono da ritenersi decadute e quindi dovranno essere rinnovate per il conferimento delle decorazioni per il 2020.
 
ISPETTORATO INTERREGIONALE DEL LAVORO
Via Mauro Macchi, 9 - 20124 Milano
tel. 02.667.973 - fax 02.669.4516 - 02.6696582
e-mail: IIL.milano@ispettorato.gov.it
posta certificata: IIL.milano@pec.ispettorato.gov.it
La citata circolare ministeriale 2019, completa di ulteriori indicazioni, è scaricabile cliccando qui o dal sito del Ministero del Lavoro (Ufficio Regionale Lombardia).
Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in formato pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013

I più visti

Pensioni nei prossimi anni: quali prospettive?

Continui interventi sulle pensioni destabilizzano il sistema e creano sfiducia. Bisogna creare condizioni di sostenibilità di lungo termine separando l'assistenza finanziata dalla fiscalità dalla previdenza basata sul risparmio diversificato per ridurre complessivamente il rischio.
01 febbraio 2020

Se le tasse si mangiano la pensione

C’è l’esigenza di un nuovo impegno che contrasti la continuità di misure che penalizzano le nostre pensioni e promuova iniziative politiche per attuare un nuovo sistema fiscale, giusto, equilibrato, che rispetti il merito. Un impegno necessario e consapevole. Della serie: le buone battaglie dei pensionati.
01 febbraio 2020

Finalmente una buona notizia sulle pensioni!

La sequenza ininterrotta di provvedimenti che hanno sistematicamente compresso e talora del tutto escluso la perequazione dei trattamenti pensionistici di maggior importo è posta in discussione dall'ordinanza della Corte dei Conti del Friuli Venezia Giulia n. 6 del 17 ottobre 2019.
01 dicembre 2019

Perché si pagano le tasse

Ovvero "Pagare le tasse è bello" Tommaso Padoa-Schioppa
01 agosto 2018

Europa 2050: Suicidio Demografico

Che silenzio assordante di fronte al suicidio demografico dell'Europa previsto per il 2050! Le previsioni demografiche delle grandi regioni del mondo per quella data sono conosciute e vengono riaggiornate ogni due anni dalle Nazioni Unite e regolarmente da Eurostat per gli Stati membri dell'UE, ma bisogna essere uno specialista di database per servirsene. Infatti nessuno ne parla, soprattutto a Bruxelles, dove si preferisce produrre rapporti sulle rivoluzioni tecnologiche, lo sviluppo sostenibile e la transizione energetica. Nel seguito spieghiamo come la crescita economica e la produttività non sono messe in relazione con gli indicatori chiave relativi alla popolazione.
01 maggio 2018