Stella al merito del lavoro 2020

Il 1° maggio 2020 sarà consegnata la "Stella al Merito del Lavoro" a coloro che avranno presentato la domanda e saranno ammessi dalla commissione istituita dal Ministero del Lavoro. Di seguito le istruzioni.

Il 1° maggio 2020, come di consueto, saranno consegnate le decorazioni della "Stella al Merito del Lavoro" secondo le norme della legge 5 febbraio 1992, n.143. Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, come da circolare ministeriale (Prot. N. 12492/2019) del 24 luglio 2019 ha affidato l’istruttoria alle Direzioni Interregionali del Lavoro.
La candidatura dovrà essere corredata dall’interessato o dall’azienda proponente e completa dei seguenti documenti in carta semplice:
  1. Autocertificazione relativa alla nascita;
  2. Autocertificazione relativa alla cittadinanza italiana;
  3. Attestato di servizio o dei servizi prestati presso una o più aziende fino alla data della proposta o del pensionamento indicando l’attuale o l’ultima sede di lavoro;
  4. Attestato relativo alla professionalità, perizia, laboriosità e condotta morale in azienda;
  5. Curriculum vitae;
  6. Codice fiscale;
  7. Autorizzazione da parte dell’interessato al trattamento dei dati personali (artt. 13-14 Regolamento (UE) 2016/679);
  8. Residenza, recapito telefonico ed e-mail ove disponibile.
*Le attestazioni di cui ai punti 3) e 4) ed eventualmente il curriculum vitae di cui al punto 5) possono essere anche contenuti in un documento unico rilasciato dalla Ditta presso cui il lavoratore presta servizio.
 
PRESENTAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE
  1. La documentazione in originale dovrà essere inviata o consegnata, direttamente dall'interessato, alla Direzione Interregionale del Lavoro, all'indirizzo sottoriportato, non oltre il termine tassativo del 31 ottobre 2019.
  2. Una copia della documentazione dovrà essere inviata o consegnata a:
    ALDAI, all'attenzione di Riccardo Fanton
    Via Larga, 31 - 20122 Milano
    tel. 02/58376.212 - fax 02/5830.7557
    Un rappresentante CIDA sarà persente nella Commissione per l'istruttoria delle pratiche.
Si invitano le Sedi Federmanager della Lombardia a segnalare entro il 31 ottobre 2019 i nominativi dei loro associati intenzionati a candidarsi al conferimento.
Si rammenta infine che le proposte avanzate per gli anni decorsi sono da ritenersi decadute e quindi dovranno essere rinnovate per il conferimento delle decorazioni per il 2020.
 
ISPETTORATO INTERREGIONALE DEL LAVORO
Via Mauro Macchi, 9 - 20124 Milano
tel. 02.667.973 - fax 02.669.4516 - 02.6696582
e-mail: IIL.milano@ispettorato.gov.it
posta certificata: IIL.milano@pec.ispettorato.gov.it
La citata circolare ministeriale 2019, completa di ulteriori indicazioni, è scaricabile cliccando qui o dal sito del Ministero del Lavoro (Ufficio Regionale Lombardia).
Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in formato pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013

I più visti

Hackerare una password? Facilissimo!

Il primo elemento che dobbiamo tenere sempre ben in mente è che sfortunatamente le password di otto caratteri non sono più sicure come nel passato
01 ottobre 2023

Perché dicono che la Terra è piatta

Gruppo Cultura – Sezione Scienza
01 settembre 2023

Perequazione 2024 una stangata

Assalto al ceto medio
01 aprile 2024

Il rapporto Censis-CIDA sul ceto medio impone serie riflessioni sulle priorità del Belpaese

Un'operazione verità che abbatte le narrazioni mediatiche di moda, per analizzare l’identità e il peso sociale del motore di sviluppo al quale sono richiesti crescenti sacrifici per sostenere un Paese che vive di stress elettorale in un'economia sotto la linea di galleggiamento, senza visione e strategia di futuro. Ecco in sintesi quanto emerge dal rapporto Censis-CIDA
01 luglio 2024

Politiche fiscali: iniziative in difesa del ceto medio

La Petizione "Salviamo il ceto medio", promossa da CIDA e Federazioni associate, ha evidenziato il malessere dei lavoratori e dei pensionati del ceto medio che si sentono penalizzati da un sistema fiscale iniquo. Il Rapporto finale Censis-CIDA "Il valore del ceto medio per l’economia" approfondisce queste problematiche. Tra le raccomandazioni, il Rapporto propone una riforma fiscale urgente per incentivare investimenti, lavoro e studio; e per ridurre la pressione fiscale sulle fasce di reddito medio-alte. Si auspica che il decisore politico accolga queste istanze per rafforzare il ruolo del ceto medio nell'economia e nella vita sociale del Paese
01 luglio 2024