Sulle note di Rossini, Haydn e Vivaldi

XXI edizione Concerto d'Autunno ALDAI

Michele Spotti, direttore, con l'Orchestra "I Pomeriggi Musicali", riceve il caloroso applauso del pubblico.

Rosanna Re            

Direttore Artistico Concerto d’Autunno

Lo scorso 23 ottobre il Teatro dal Verme ha ospitato la XXI edizione del Concerto d’Autunno ALDAI, un appuntamento diventato tradizione e a cui moltissimi non hanno saputo rinunciare. In una sala gremita di persone si è respirata un’atmosfera di gioia e trepidazione: tanta la voglia e la curiosità di trascorrere una nuova serata in musica.
La Vicepresidente facente funzione di Presidente Silvana Menapace ha “dato il la” con un caloroso benvenuto a tutti i presenti, volti noti e new entry, a testimonianza del successo e dell’apprezzamento di questo evento da parte degli Associati. 
Dopo un momento di riflessione sull'attuale situazione – che vede i Dirigenti in servizio attaccati sul versante del riconoscimento delle competenze e della professionalità e i Senior sul versante delle pensioni – Silvana Menapace non ha potuto fare a meno di menzionare Vises, la Onlus di riferimento di ALDAI che, oltre ad essere fortemente impegnata sui progetti di Alternanza Scuola Lavoro, promuove l’iniziativa Il Ritmo Giusto che ha l’obiettivo di dotare le scuole di defibrillatori. Immancabili i saluti e i ringraziamenti ad Autorità, Istituzioni, Federazioni, Associazioni e ai loro rappresentanti che, fin dalla prima edizione, non hanno mancato di dare il loro supporto a questa tradizionale kermesse. Infine un sentito grazie a tutti coloro che si sono adoperati per la riuscita di questo grande evento: il Direttore artistico Rosanna Re, il delegato del Presidente e organizzatore del concerto Agostino D’Arco, il Direttore e tutta la struttura ALDAI.
Prima di lasciare spazio alla musica, Rosanna Re ha illustrato il programma della serata con una breve presentazione degli artisti: il giovanissimo Direttore d’Orchestra Michele Spotti, il trombettista Sergio Casesi, il violinista Gennaro Cardaropoli e l’orchestra i Pomeriggi Musicali. 
Gennaro Cardaropoli in un assolo di violino.

Gennaro Cardaropoli in un assolo di violino.

Sergio Casesi durante il bis a conclusione della serata.

Sergio Casesi durante il bis a conclusione della serata.

In omaggio al 150° anniversario della morte di Gioacchino Rossini, l’Orchestra ha eseguito eccellentemente la “Sinfonia dal Barbiere di Siviglia”, senza dubbio l’opera più famosa di questo compositore.
Di F. J. Haydn – maestro compositore,  caposcuola della musica del 1700 tanto da essere considerato “il padre della Sinfonia” (104 opere) e del quartetto per archi (67 composizioni) – è stato eseguito il “Concerto per tromba e orchestra in mi bemolle maggiore” dedicato al virtuoso strumentista della corte di Vienna, Anton Weidinger, che in quegli anni inventò una nuova tromba con l’aggiunta di chiavi. Tale innovazione consentì a questo inedito strumento di aumentare la gamma dei suoni e incontrare le esigenze dell’evoluzione del linguaggio musicale dell’epoca. Haydn, con questo concerto, mette alla prova l’abilità dell’esecutore con passaggi altamente virtuosistici affrontati con grande abilità da Sergio Casesi.
Infine, la seconda parte della serata, ha visto protagonista Antonio Vivaldi e le sue “Le Quattro Stagioni”: quattro concerti per violino e archi che rappresentano le scene della natura in musica, ognuno dedicato una stagione dell’anno. Composti nel 1723, fanno parte della più ampia opera “Il Cimento dell’Armonia e dell’Invenzione”. Celeberrimo il tema del primo concerto, “La Primavera”, usato (e talvolta abusato) quale colonna sonora di film, romanzi e spot pubblicitari. Non è altrettanto noto, invece, che tutti i quattro concerti traggono ispirazione da sonetti in rima. Si tratta, infatti, di “Musica a programma” esempio che, dopo Vivaldi, verrà seguito da molti altri compositori.
L’idea di inserire nel programma di sala il testo completo dei sonetti è stata molto apprezzata dagli ospiti, che hanno così potuto seguire l’esecuzione leggendo le parole che l’accompagnano, comprendendo meglio i contenuti e il pensiero vivaldiano.
A grande richiesta la serata si è conclusa con due bis: il primo del solista di tromba che ha eseguito un brano scritto da Alberto Cara, il secondo dell’orchestra, che ha ripetuto il finale del secondo concerto “L’Estate”.
Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in formato pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013

I più visti

Novità FASI

Tutti insieme siamo chiamati a partecipare alla sostenibilità del Fondo Assistenza Sanitaria Integrativa assicurando l'equilibrio fra i contributi e i costi crescenti delle prestazioni sanitarie.
01 febbraio 2019

I tagli alle pensioni, ovvero punire la vecchiaia

Un Paese che taglia le pensioni, non ne garantisce il potere d'acquisto nel tempo e non investe in politiche attive di sviluppo s’incammina verso la regressione economica e la permanente conflittualità sociale
01 febbraio 2019

FASI Siamo Noi

Il Fondo, da sempre ispirato ai principi di mutualità e solidarietà intergenerazionale, modificherà le norme di iscrizione premiando la fedeltà degli iscritti e ricompensando il loro senso di appartenenza.
01 febbraio 2019

Manovra: CIDA, inaccettabile un futuro fra recessione e stagnazione

La Confederazione Italiana Dirigenti ed Alte professionalià prosegue l'impegno per il riconoscimento del merito e la certezza del diritto. Un Collegio di difesa per i ricorsi alla Corte Costituzionale su taglio pensioni medio-alte e nuovo meccanismo di perequazione automatica.
01 febbraio 2019

Europa 2050: Suicidio Demografico

Che silenzio assordante di fronte al suicidio demografico dell'Europa previsto per il 2050! Le previsioni demografiche delle grandi regioni del mondo per quella data sono conosciute e vengono riaggiornate ogni due anni dalle Nazioni Unite e regolarmente da Eurostat per gli Stati membri dell'UE, ma bisogna essere uno specialista di database per servirsene. Infatti nessuno ne parla, soprattutto a Bruxelles, dove si preferisce produrre rapporti sulle rivoluzioni tecnologiche, lo sviluppo sostenibile e la transizione energetica. Nel seguito spieghiamo come la crescita economica e la produttività non sono messe in relazione con gli indicatori chiave relativi alla popolazione.
01 maggio 2018