In arrivo la nuova Dirigenti Industria

Nuovo formato, nuova grafica e nuove rubriche. Un'anteprima della rivista di Agosto-Settembre che conferma l'impegno dell'associazione nel proseguire con il duplice sviluppo dell'edizione cartacea e digitale.

Chiara Tiraboschi   

Giornalista e Responsabile Servizio Comunicazione e Marketing ALDAI-Federmanager

Mentre eravamo al lavoro sul numero di luglio, la Redazione Dirigenti Industria e i colleghi dei Servizi Comunicazione, Amministrazione e Organizzazione erano impegnati da settimane alla realizzazione di un nuovo e ambizioso progetto: una rinnovata versione della vostra rivista, voce della dirigenza dedicata alla realtà manageriale con tematiche focalizzate sulla dirigenza lombarda e un occhio sempre attento ai grandi temi di interesse nazionale.

Una sfida ambiziosa che abbiamo accolto e cercato spinti dalla volontà e dalla convinzione di voler rendere un servizio migliore agli Associati che, mese dopo mese, numero dopo numero, si dimostrano attenti lettori, colleghi fedeli e presenti i quali, anche sulla rivista digitale con numeri alla mano, non fanno mai mancare il loro apporto e contributo: dalle proposte di articoli, ai commenti sui rispettivi canali social, fino alle condivisioni su blog, testate e pagine online, contribuendo alla promozione e alla divulgazione all’interno di un network mirato e crescente.
L’idea che ha guidato il rinnovamento è semplice.

Siamo partiti dalla forma e dal contenuto proprio perché forma e contenuto per noi sono strettamente intrecciati e non potrebbe essere altrimenti.

Il nuovo formato risulta più moderno, agile, in linea con i tempi che stiamo vivendo. 

All’interno i testi lasciano lo spazio alle immagini che diventano più protagoniste e parte integrante di un contenuto che ne è a servizio e a supporto. 

Tutto questo senza dimenticare la qualità e il target a cui parliamo: il manager, sia esso in servizio che in pensione o in cerca di nuove opportunità, è e rimane il nostro interlocutore privilegiato, ma non l’unico.

Nell’ottica di valorizzare il mondo professionale e la sfera privata del dirigente, abbiamo introdotto una nuova rubrica “DI+ Dirigenti Industria più” rivolta alle famiglie e alla volontà di trascorrere del tempo di qualità insieme con attività, informazioni e intrattenimento che unissero allo scopo divulgativo e informativo quello dell’intrattenimento, dell’approfondimento legato alle proprie passioni, ai viaggi, alla valorizzazione delle bellezze del territorio attraverso firme autorevoli e reportage in esclusiva per la nostra testata.

Continueremo a lavorare assiduamente con impegno, spinti dalla motivazione e dalla volontà di migliorare e migliorarci per offrire ai nostri lettori del tempo di lettura di qualità.

Speriamo che la nuova Dirigenti Industria vi piaccia. 

Continuiamo a contare sul vostro contributo per migliorarci e crescere. 

Insieme a voi e con voi.
Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in formato pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013

I più visti

Le cifre dimostrano i danni del mancato adeguamento delle pensioni all’inflazione

Dimezzata in 13 anni la tredicesima. CIDA si è impegnata in una sostanziale contestazione dei multiformi attacchi che la politica sta da tempo perpetrando ai danni dei pensionati ‘colpevoli’ di ricevere un assegno di importo medio alto. Contestazione sul piano ‘ideologico’ e sulla necessità di garantire certezza del diritto.
01 agosto 2019

Questa volta non si tratta di contributo di solidarietà

La riduzione della pensione è rintracciabile, più facilmente, nella dimensione politica in cui è maturata, nelle successive fasi di approvazione legislativa e applicazione, dimenticando il riconoscimento del merito e la certezza del diritto.
01 agosto 2019

Facciamo volare Milano

Alessandro Fidato, Direttore Airport Management SEA, ci illustra come cambierà il volto di Linate dopo i 3 mesi di manutenzione straordinaria
01 agosto 2019

Europa 2050: Suicidio Demografico

Che silenzio assordante di fronte al suicidio demografico dell'Europa previsto per il 2050! Le previsioni demografiche delle grandi regioni del mondo per quella data sono conosciute e vengono riaggiornate ogni due anni dalle Nazioni Unite e regolarmente da Eurostat per gli Stati membri dell'UE, ma bisogna essere uno specialista di database per servirsene. Infatti nessuno ne parla, soprattutto a Bruxelles, dove si preferisce produrre rapporti sulle rivoluzioni tecnologiche, lo sviluppo sostenibile e la transizione energetica. Nel seguito spieghiamo come la crescita economica e la produttività non sono messe in relazione con gli indicatori chiave relativi alla popolazione.
01 maggio 2018