Quale futuro per le pensioni dei dirigenti?

Il 15 Dicembre Federmanager ha organizzato per gli associati un incontro a Milano per condividere un serio impegno per contrastare lo stravolgimento dei principi costituzionali in materia previdenziale e condividere i programmi che garantiscano la certezza del diritto e il riconoscimento del merito.

Con la Sentenza annunciata nel Comunicato stampa del 25 ottobre scorso la Corte Costituzionale ha ritenuto che «la nuova e temporanea disciplina prevista dal decreto-legge n. 65 del 2015 realizzi un bilanciamento non irragionevole tra i diritti dei pensionati e le esigenze della finanza pubblica». In questa sentenza i magistrati hanno subordinato la giustizia ai vincoli del bilancio e della politica. Le pensioni medio-alte, anche quelle appena dignitose, continuano a rappresentare l’obiettivo di attacchi più o meno concertati di forze politiche, movimenti antisistema, gruppi sociali, media, tutti ben individuati, nelle loro logiche e strategie.
L'incontro Federmanager del 15 dicembre a Milano ha avuto l'obiettivo di informare i colleghi senior sui risultati dell'indagine realizzata a novembre e condividere la strategia per garantire la certezza del diritto in questo Paese, per evitare che ai Senior non sia riconosciuto l'adeguamento del costo della vita e le giovani generazioni debbano emigrare per avere migliore futuro.

I lavori della riunione sono stati trasmessi in diretta streaming sul sito www.federmanager.it 

Clicca "Assemblea pensionati Federmanager in sintesi" per conoscere i contenuti degli interventi e i risultati dell'incontro.

Clicca "Una strategia di contrasto ai continui attacchi alle pensioni" per leggere l'intervento di Mino Schianchi, Presidente Comitato Nazionale di Coordinamento dei Gruppi Pensionati e Consigliere ALDAI-Federmanager 

Clicca "Il diritto asservito alla politica" per una riflessione sulla gravità della sentenza per il futuro del Paese.

L'assemblea ha ribadito che occorre organizzare un vero e proprio fronte comune di opposizione agli attacchi rivolti contro i titolari di pensioni medio-alte. Occorre dare continuità ad interventi di peso, a livello politico e sindacale. Occorre trovare alleanze e far valere la forza dei numeri, oltre quella delle buone ragioni e delle idee. 

È necessario un serio impegno per contrastare le derive politiche e sociali e porre un freno allo stravolgimento dei principi costituzionali in materia di previdenza.

È l’unione che fa la forza!


Gli associati e i lettori autorizzati posso accedere alla registrazione video integrale dell'Assemblea Pensionati Federmanager 2017 CLICCANDO QUI.
Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in formato pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013

I più visti

Rinnovo cariche sociali ALDAI – Triennio 2021-2023

Introduzione ai profili ed alle modalità di votazione.
A cura del Comitato Elettorale 
13 aprile 2021

Tutto quel che vorrei sapere sulle vaccinazioni

Prenota la vaccinazione se hai 70 anni o più. La ricerca delle informazioni sulla somministrazione dei vaccini può risultare non facile e di dubbia attendibilità. Per questa ragione proponiamo ai lettori i riferimenti e i link alle fonti d’informazione maggiormente attendibili.
01 aprile 2021

Un Paese più illuminato

Nonostante l'emergenza Covid la Lombardia non ha mai smesso di essere la regione con i migliori risultati, l'unica in grado di competere con le altre principali aree industriali europee. Un patrimonio e un modello economico italiano ed europeo da salvaguardare e sostenere con risorse Next Generation EU
01 gennaio 2021

Equità Fiscale

La settima indagine sulle imposte dirette realizzata da Itinerari Previdenziali rileva che solo metà della popolazione paga almeno 1 euro. I dipendenti contribuiscono per il 51,8% del gettito, i pensionati il 29,4%, gli autonomi e gli altri meno del 19%. La Tavola rotonda del 4 Novembre ha aperto il dibattito sull'Equità Fiscale per far emergere i 120 miliardi di evasione.
02 dicembre 2020

Tassa sul merito

Sempre più onerosa la tassazione sui percettori di redditi oltre 120.000 € secondo la ricerca di Elexia. Sono appena lo 0,8% ma versano il 16% di tutta l'Irpef.
01 gennaio 2021