DIRIGENTI INDUSTRIA - Profilo della rivista cartacea e digitale

Mensile con tiratura di 18 mila copie, di almeno 64 pagine, consegnata a domicilio dei 15 mila dirigenti e quadri dell’associazione ALDAI Federmanager, agli abbonati in tutta Italia, alle 57 sedi territoriali Federmanager, agli enti sanitari e previdenziali, alle istituzioni e associazioni di categoria.

I lettori degli 11 numeri distribuiti annualmente sono manager di multinazionali, grandi, medie e piccole imprese dell’industria, trasporti e servizi dei settori: chimica e farmaceutica, meccanica e meccatronica, elettronica e telecomunicazioni, engineering e automazione, per citare i più significativi. Ai manager si aggiungono i lettori della famiglia: il coniuge, i figli e i conoscenti.

Dirigenti Industria è disponibile anche in due edizioni digitali aggiornate quotidianamente e mirate agli interessi specifici dei dirigenti in attività e dei senior pensionati (www.dirigentindustria.it e www.dirigentisenior.it).

Sono oltre 300 mila gli utenti unici dell’edizione digitale, 41% dei quali localizzati in Lombardia, 48% nelle altre regioni e 11% all’estero.

Oltre 1.700 articoli disponibili on-line, da parte di più di 100 autori, e più di 850 mila pagine e articoli letti in meno di tre anni testimoniano l’autorevolezza e la diffusione della rivista che comprende anche edizioni digitali regionali e provinciali.
Da oltre 70 anni Dirigenti Industria è “house organ” dell’associazione dirigenti, media di riferimento del settore e voce del management, con interviste in esclusiva ad esponenti del panorama industriale ed economico, reportage, approfondimenti e notizie sui temi rilevanti per il progresso del paese: economia, industria, management, politica (industriale), formazione e lavoro. Rubriche altamente specializzate in ambito legale, previdenziale e fiscale rendono la rivista un reale strumento di consultazione e aggiornamento manageriale, mentre le rubriche culturali, quelle dedicate alla cultura, al tempo libero e alla famiglia, aggiungono interessanti profili di lettori. 

Radio Dirigenti Industria

Cliccando l'altoparlante che compare in basso a destra degli articoli dell'edizione digitale è possibile ascoltare la lettura del testo; una funzionalità utile a non affaticare la vista e ascoltare guidando.

Dirigenti Industria promuove il dialogo con i lettori che possono inviare commenti e proposte cliccando in fondo agli articoli che lo prevedono il testo "Scrivi un commento o invia una domanda".  Cliccando "L’Italia perde competitività" è possibile leggere il commento di un lettore.

Abbonamento annuale undici numeri 20 € con spedizione gratuita dell'edizione cartacea in tutta Italia.
 
Per maggiori informazioni contattare la redazione: Editore ARUM s.r.l. - Via Larga 31 Milano - Tel. 02 583761 - rivista@aldai.it
Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in formato pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013

I più visti

La Corte dei Conti riconosce le criticità costituzionali avanzate nel ricorso CIDA

Prima, significativa vittoria nell’azione giudiziaria intrapresa a difesa dei diritti dei nostri rappresentati in materia previdenziale: la Corte dei Conti, Sez. giurisdizionale per il Friuli Venezia Giulia, ha sollevato la questione di legittimità costituzionale dei provvedimenti legislativi che hanno determinato l’ennesimo blocco della perequazione e il prelievo straordinario sulle pensioni di importo medio-alto.
A cura dell'ufficio stampa CIDA
17 ottobre 2019

La Corte dei Conti dà ragione ai pensionati

Ci auguriamo che la Corte Costituzionale, recependo le motivazione delle Ordinanze di rimessione, voglia cogliere l’occasione per porre fine, una volta per tutte, a provvedimenti continuativi e vessatori contro i pensionati.
18 ottobre 2019

Finalmente una buona notizia sulle pensioni!

La sequenza ininterrotta di provvedimenti che hanno sistematicamente compresso e talora del tutto escluso la perequazione dei trattamenti pensionistici di maggior importo è posta in discussione dall'ordinanza della Corte dei Conti del Friuli Venezia Giulia n. 6 del 17 ottobre 2019.
01 novembre 2019

Rinvio alla Corte Costituzionale

Il ricorso sul taglio alle pensioni d'oro e la rimodulazione della perequazione automatica ha sollevato questioni di legittimità costituzionale.
17 ottobre 2019