Stella al Merito del Lavoro 2019

Modalità per il conferimento onorificenza

Il 1° maggio 2019, come di consueto, saranno consegnate le decorazioni della "Stella al Merito del Lavoro" secondo le norme della legge 5 febbraio 1992, n. 143. Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, come da circolare ministeriale n. 0015611 del 24 luglio 2018 ha affidato l’istruttoria alle Direzioni Interregionali del Lavoro.
La candidatura dovrà essere corredata dall’interessato o dall’azienda proponente e completa dei seguenti documenti in carta semplice:
  1. autocertificazione relativa alla nascita;
  2. autocertificazione relativa alla cittadinanza italiana;
  3. attestato di servizio o dei servizi prestati presso una o più aziende fino alla data della proposta o del pensionamento indicando l’attuale o l’ultima sede di lavoro;
  4. attestato relativo alla professionalità, perizia, laboriosità e condotta morale in azienda;
  5. curriculum vitae;
  6. codice fiscale;
  7. residenza, recapito telefonico ed e-mail (ove disponibile);
  8. autorizzazione da parte dell’interessato al trattamento dei dati personali (D. Lgs 30 giugno 2003, n. 196);

PRESENTAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE
  1. La documentazione in originale dovrà essere inviata o consegnata, direttamente dall'interessato, alla Direzione Interregionale del Lavoro, all'indirizzo sottoriportato, non oltre il termine tassativo del 31 ottobre 2018. 
  2. Una copia della documentazione dovrà essere inviata o consegnata a:
    ALDAI, all'attenzione di Riccardo Fanton
    via Larga 31, 20122 Milano
    tel. 02/58376.212 - fax 02/5830.7557
    La candidatura sarà sostenuta in Commissione Giudicatrice da un delegato CIDA, presente alla riunione in rappresentanza della dirigenza industriale lombarda.
Si invitano le Sedi Federmanager della Lombardia a segnalare ad ALDAI (segreteria@aldai.it) entro il 31 ottobre 2018 i nominativi dei loro associati intenzionati a candidarsi al conferimento.

Si rammenta infine che le proposte avanzate per gli anni passati sono da ritenersi decadute e quindi dovranno essere rinnovate per il conferimento delle onorificenze 2019. 

ISPETTORATO INTERREGIONALE DEL LAVORO 
Via Mauro Macchi, 7/11 - 20124 Milano
  • tel. 02.667.973 - fax 02.669.4516 - 02.6696582
  • e-mail: IIL.milano@ispettorato.gov.it 
  • posta certificata: IIL.milano@pec.ispettorato.gov.it
  • www.lavoro.gov.it
La citata circolare ministeriale 2018,  completa di ulteriori indicazioni, è scaricabile dal sito del Ministero del Lavoro (Ufficio Regionale Lombardia) o consultabile al link sottoriportato.
Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in formato pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013

I più visti

Novità FASI

Tutti insieme siamo chiamati a partecipare alla sostenibilità del Fondo Assistenza Sanitaria Integrativa assicurando l'equilibrio fra i contributi e i costi crescenti delle prestazioni sanitarie.
01 febbraio 2019

I tagli alle pensioni, ovvero punire la vecchiaia

Un Paese che taglia le pensioni, non ne garantisce il potere d'acquisto nel tempo e non investe in politiche attive di sviluppo s’incammina verso la regressione economica e la permanente conflittualità sociale
01 febbraio 2019

FASI Siamo Noi

Il Fondo, da sempre ispirato ai principi di mutualità e solidarietà intergenerazionale, modificherà le norme di iscrizione premiando la fedeltà degli iscritti e ricompensando il loro senso di appartenenza.
01 febbraio 2019

Manovra: CIDA, inaccettabile un futuro fra recessione e stagnazione

La Confederazione Italiana Dirigenti ed Alte professionalià prosegue l'impegno per il riconoscimento del merito e la certezza del diritto. Un Collegio di difesa per i ricorsi alla Corte Costituzionale su taglio pensioni medio-alte e nuovo meccanismo di perequazione automatica.
01 febbraio 2019

Europa 2050: Suicidio Demografico

Che silenzio assordante di fronte al suicidio demografico dell'Europa previsto per il 2050! Le previsioni demografiche delle grandi regioni del mondo per quella data sono conosciute e vengono riaggiornate ogni due anni dalle Nazioni Unite e regolarmente da Eurostat per gli Stati membri dell'UE, ma bisogna essere uno specialista di database per servirsene. Infatti nessuno ne parla, soprattutto a Bruxelles, dove si preferisce produrre rapporti sulle rivoluzioni tecnologiche, lo sviluppo sostenibile e la transizione energetica. Nel seguito spieghiamo come la crescita economica e la produttività non sono messe in relazione con gli indicatori chiave relativi alla popolazione.
01 maggio 2018