Cambiare prospettiva per affrontare l’incertezza

Le obbligazioni sono state a lungo considerate un investimento sicuro; all’interno di un portafoglio avevano il duplice ruolo di generare reddito, tramite il flusso cedolare, e di offrire un’efficace diversificazione rispetto alle oscillazioni di attivi più rischiosi come le azioni.

Giorgio Bensa

Tuttavia, l’adozione di politiche monetarie fortemente espansive a supporto della crescita, dopo la grande crisi finanziaria del 2008, ha determinato un contesto del tutto nuovo per gli investitori, con tassi di interesse nulli o addirittura negativi per ampi segmenti del mercato obbligazionario. Le incognite e i rischi connessi ai cambiamenti che verranno introdotti dalla nuova amministrazione negli Stati Uniti, alle trattative tra il Regno Unito e l’Unione Europea ed al prossimo ciclo elettorale in Europa contribuiscono ad esacerbare ulteriormente una situazione piuttosto complessa.
In USA e UK in particolare i governi hanno mostrato di voler adottare politiche economiche e fiscali che possano prendere il testimone da quelle monetarie: queste probabilmente determineranno una risalita del deficit e dell’inflazione e di conseguenza un eventuale aumento dei tassi di interesse nel corso dei prossimi mesi potrebbe portare a significative perdite nel prezzo dei titoli obbligazionari a tasso fisso. Ci troviamo quindi in un frangente delicato; le obbligazioni non sono più in grado di generare reddito e rischiano, nel caso di rialzi dei tassi, di perdere valore.
Se lo scenario si è modificato in modo tanto radicale, occorre accettare un vero e proprio cambio di prospettiva nelle risposte. È necessario pensare a strategie di investimento più complesse ed evolute, che siano in grado di generare rendimenti positivi sfruttando approcci di tipo “opportunistico”, che modificano dinamicamente la composizione del portafoglio in funzione delle condizioni del mercato, oppure prendere in considerazione orizzonti di investimento di più lungo periodo, sia per poter sopportare la volatilità di investimenti con un profilo di rischio superiore rispetto al passato a parità di obiettivo di rendimento, sia per sfruttare le opportunità offerte da attivi meno liquidi e cogliere premi al rischio non legati alle asset class tradizionali. Una prospettiva di questo tipo potrebbe dunque interpretare correttamente un nuovo contesto di mercato dalle imprevedibili evoluzioni e permettere di dare risposte adeguate e soddisfacenti nel tempo.
Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in formato pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013

I più visti

I tagli alle pensioni, ovvero punire la vecchiaia

Un Paese che taglia le pensioni, non ne garantisce il potere d'acquisto nel tempo e non investe in politiche attive di sviluppo s’incammina verso la regressione economica e la permanente conflittualità sociale
01 febbraio 2019

Il contributo di solidarietà come tassa permanente

Federmanager e Cida da sempre sostengono la necessità di separare l’assistenza dalla previdenza. Il nuovo contributo di solidarietà viene proposto per realizzare un progetto politico di natura assistenziale che chiama in causa la collettività nazionale. Circostanza che offre al legislatore l’occasione per far valere il principio di solidarietà sancito dalla Costituzionale. La solidarietà la devono sostenere tutti in relazione alla capacità contributiva.
01 dicembre 2018

Europa 2050: Suicidio Demografico

Che silenzio assordante di fronte al suicidio demografico dell'Europa previsto per il 2050! Le previsioni demografiche delle grandi regioni del mondo per quella data sono conosciute e vengono riaggiornate ogni due anni dalle Nazioni Unite e regolarmente da Eurostat per gli Stati membri dell'UE, ma bisogna essere uno specialista di database per servirsene. Infatti nessuno ne parla, soprattutto a Bruxelles, dove si preferisce produrre rapporti sulle rivoluzioni tecnologiche, lo sviluppo sostenibile e la transizione energetica. Nel seguito spieghiamo come la crescita economica e la produttività non sono messe in relazione con gli indicatori chiave relativi alla popolazione.
01 maggio 2018

Welfare: assistenza e previdenza

Fare chiarezza sui numeri è il primo passo verso la sostenibilità del sistema. Oltre la metà dei pensionati è totalmente o parzialmente assistita dallo Stato. Assimilare la spesa per prestazioni previdenziali e assistenziali genera equivoci.
01 aprile 2019

Pensioni: oltre i tagli e il conguaglio

Non si possono combattere disuguaglianze e ingiustizie sociali adottando sistemi d’ingiustizia fiscale.
01 aprile 2019