Inflazione sì o inflazione no?

Cosa aspettarsi, cosa augurarsi e come comportarsi

Anche quest’inverno, durante le vacanze natalizie, ho trascorso alcuni giorni presso la villa di famiglia in provincia di Varese.

Claudio Bolzani   

Partner Allianz Bank Private

Come spesso amo fare ho curiosato nel locale biblioteca riprendendo in mano libri e giornali che sono appartenuti a mio bisnonno, cimeli di guerra direi. Ma una delle sezioni che fin da bambino mi ha sempre affascinato è la collezione di Topolino, collezione iniziata quando mio padre era bimbo, poi proseguita da me e dai miei fratelli e portata avanti dai miei figli. Sfogliare questi giornalini mi crea sempre forti emozioni, rivivo momenti del mio passato, quando la loro lettura era la compagnia e il riposo delle lunghe vacanze estive da bambino. 
Anche questa volta sono ricaduto nella macchina del tempo dei ricordi. Una cosa che trovo interessante è guardare le vecchie pubblicità, i prodotti che ai tempi venivano considerati innovativi oggi sono antiquati e i prezzi ai quali venivano venduti oggi fanno sorridere, ma allora erano soldi. È proprio quest’ultimo aspetto che ha attirato la mia attenzione: ma allora l’inflazione esiste o è esistita davvero!
Il primo numero di Topolino del 1949 è costato 60 lire (0,03 euro). Vent'anni anni dopo, nel 1969, il prezzo era salito gradualmente a 150 lire (0,08 euro) un incremento del 150%. Nel 1979 il prezzo era passato a 500 lire (0,26 euro) questa volta il 233% in più in soli 10 anni! Proprio quelli e quelli subito successivi sono stati gli anni della grande inflazione italiana.
Lavinia Fattore

Lavinia Fattore

Infatti nel 1989 siamo arrivati ad un prezzo di 2.000 lire (1,03 euro) il 300% in più in una decade. Per avere un ulteriore incremento a tre cifre (114%) dovranno trascorrere 20 anni, nel 2009 il prezzo arriva a 2,2 euro. In quei 60 anni il prezzo ha avuto un incremento di oltre il 7.200%.
In questi ultimi anni invece si parla di pericolo deflazione, cioè il processo inverso: il calo dei prezzi nel tempo. Ma perché si teme tanto la deflazione e perché le banche centrali (FED e BCE) sono tanto concentrate a far sì che l’inflazione riprenda il suo corso a livelli controllati? Non sarebbe più piacevole andare a fare acquisti e spendere anno dopo anno sempre meno?

Insieme al Gruppo Cultura di ALDAI si cercherà di dare risposta a queste e ad altre domande nel corso di un incontro finanziario che vedrà relatore Lavinia Fattore - Vice President Key Account Manager at Allianz Global Investors.
Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in formato pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013

I più visti

Pochi milioni dal taglio delle pensioni svelano le reali motivazioni

La proposta di riduzione delle pensioni va giustificato per motivi contributivi, serve solo per fare cassa, oppure giustizia sommaria ? I pensionati sono ben disposti a fare solidarietà, purché questa sia condivisa da tutti, tutti, ma proprio tutti. I prelievi discriminatori e non giustificati da abusi previdenziali dimostrati non sono accettabili.
09 ottobre 2018

Soccorso rosso alle pensioni

Accantonato il ricalcolo delle pensioni, per i rischi di incostituzionalità, il Governo ripropone il contributo di solidarietà, anch'esso sempre più incostituzionale per l'evidente abuso.
01 novembre 2018

Tavolo di confronto sull’ipotesi dell’ennesimo contributo di solidarietà sulle pensioni

Secondo la Corte Costituzionale, un contributo di solidarietà è consentito, solo se si presenta come “misura contingente, straordinaria e temporalmente circoscritta” e soprattutto se viene “utilizzato come misura una tantum”. L’ipotesi di un 9° contributo di solidarietà impone una riflessione sulla ripetitività del provvedimento per risolvere un dichiarato stato di crisi che la Costituzione indica di affrontare con l’aumento delle imposte.
01 novembre 2018

Il ricalcolo delle pensioni divide il Consiglio dei Ministri

La questione che si dibatte in queste ore divide MS5 e Lega. Le osservazioni critiche che sono state formulate in tutte le audizioni di alcuni giorni fa nella Commissione Lavoro alla Camera sulla proposta di ricalcolo delle pensioni (n.1071), avrebbero dovuto portare ad una revisione profonda del testo presentato. Se non addirittura al ritiro. Il Governo, invece, si è impossessato della proposta parlamentare e ha deciso una improvvisa accelerazione dell’operazione.
01 novembre 2018