Inflazione sì o inflazione no?

Cosa aspettarsi, cosa augurarsi e come comportarsi

Anche quest’inverno, durante le vacanze natalizie, ho trascorso alcuni giorni presso la villa di famiglia in provincia di Varese.

Claudio Bolzani   

Partner Allianz Bank Private

Come spesso amo fare ho curiosato nel locale biblioteca riprendendo in mano libri e giornali che sono appartenuti a mio bisnonno, cimeli di guerra direi. Ma una delle sezioni che fin da bambino mi ha sempre affascinato è la collezione di Topolino, collezione iniziata quando mio padre era bimbo, poi proseguita da me e dai miei fratelli e portata avanti dai miei figli. Sfogliare questi giornalini mi crea sempre forti emozioni, rivivo momenti del mio passato, quando la loro lettura era la compagnia e il riposo delle lunghe vacanze estive da bambino. 
Anche questa volta sono ricaduto nella macchina del tempo dei ricordi. Una cosa che trovo interessante è guardare le vecchie pubblicità, i prodotti che ai tempi venivano considerati innovativi oggi sono antiquati e i prezzi ai quali venivano venduti oggi fanno sorridere, ma allora erano soldi. È proprio quest’ultimo aspetto che ha attirato la mia attenzione: ma allora l’inflazione esiste o è esistita davvero!
Il primo numero di Topolino del 1949 è costato 60 lire (0,03 euro). Vent'anni anni dopo, nel 1969, il prezzo era salito gradualmente a 150 lire (0,08 euro) un incremento del 150%. Nel 1979 il prezzo era passato a 500 lire (0,26 euro) questa volta il 233% in più in soli 10 anni! Proprio quelli e quelli subito successivi sono stati gli anni della grande inflazione italiana.
Lavinia Fattore

Lavinia Fattore

Infatti nel 1989 siamo arrivati ad un prezzo di 2.000 lire (1,03 euro) il 300% in più in una decade. Per avere un ulteriore incremento a tre cifre (114%) dovranno trascorrere 20 anni, nel 2009 il prezzo arriva a 2,2 euro. In quei 60 anni il prezzo ha avuto un incremento di oltre il 7.200%.
In questi ultimi anni invece si parla di pericolo deflazione, cioè il processo inverso: il calo dei prezzi nel tempo. Ma perché si teme tanto la deflazione e perché le banche centrali (FED e BCE) sono tanto concentrate a far sì che l’inflazione riprenda il suo corso a livelli controllati? Non sarebbe più piacevole andare a fare acquisti e spendere anno dopo anno sempre meno?

Insieme al Gruppo Cultura di ALDAI si cercherà di dare risposta a queste e ad altre domande nel corso di un incontro finanziario che vedrà relatore Lavinia Fattore - Vice President Key Account Manager at Allianz Global Investors.
Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in formato pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013

I più visti

I tagli alle pensioni, ovvero punire la vecchiaia

Un Paese che taglia le pensioni, non ne garantisce il potere d'acquisto nel tempo e non investe in politiche attive di sviluppo s’incammina verso la regressione economica e la permanente conflittualità sociale
01 febbraio 2019

Il contributo di solidarietà come tassa permanente

Federmanager e Cida da sempre sostengono la necessità di separare l’assistenza dalla previdenza. Il nuovo contributo di solidarietà viene proposto per realizzare un progetto politico di natura assistenziale che chiama in causa la collettività nazionale. Circostanza che offre al legislatore l’occasione per far valere il principio di solidarietà sancito dalla Costituzionale. La solidarietà la devono sostenere tutti in relazione alla capacità contributiva.
01 dicembre 2018

Europa 2050: Suicidio Demografico

Che silenzio assordante di fronte al suicidio demografico dell'Europa previsto per il 2050! Le previsioni demografiche delle grandi regioni del mondo per quella data sono conosciute e vengono riaggiornate ogni due anni dalle Nazioni Unite e regolarmente da Eurostat per gli Stati membri dell'UE, ma bisogna essere uno specialista di database per servirsene. Infatti nessuno ne parla, soprattutto a Bruxelles, dove si preferisce produrre rapporti sulle rivoluzioni tecnologiche, lo sviluppo sostenibile e la transizione energetica. Nel seguito spieghiamo come la crescita economica e la produttività non sono messe in relazione con gli indicatori chiave relativi alla popolazione.
01 maggio 2018

Welfare: assistenza e previdenza

Fare chiarezza sui numeri è il primo passo verso la sostenibilità del sistema. Oltre la metà dei pensionati è totalmente o parzialmente assistita dallo Stato. Assimilare la spesa per prestazioni previdenziali e assistenziali genera equivoci.
01 aprile 2019

Pensioni: oltre i tagli e il conguaglio

Non si possono combattere disuguaglianze e ingiustizie sociali adottando sistemi d’ingiustizia fiscale.
01 aprile 2019