I manager e l’altra intelligenza

Sul cambiamento che sta attraversando la società nel nostro paese, ed in tutto il mondo, non ci sono più dubbi. La tecnologia galoppa, la voglia della digitalizzazione è ormai inarrestabile. Perché non si sa, ma è così. I giovani vivono ormai con lo smartphone nella mano, tutti i giorni si ricevono annunci su ciò che prima si poteva fare manualmente o con un livello moderato di automazione e che ore va fatto in modo automatico e, naturalmente, tramite computer esclusivamente. I cittadini di qualunque età devono ricordare una marea di password e devono preoccuparsi di tantissimi hacker residenti in tutto il mondo pronti a rubare dati, immettere dati falsi, utilizzare la presenza di ciascuno nei social per diffondere notizie, falsificare informazioni, cercare di truffare tutti in tanti modi possibili.

Gianni di Quattro 

Socio ALDAI - Federmanager
Le aziende si devono digitalizzare e cioè non solo devono rifare tutti i processi di automazione faticosamente e con tanti investimenti fatti nel passato, ma devono collegare ogni elemento dell’azienda con la rete, con portali che forniscono dati, con algoritmi vari che possono determinare come creare un canale di vendita, quale strategia aziendale implementare, come cercare un cliente ed accettare un contratto, cosa e come e quando comprare, quale alleanza fare e perché e come impostare il bilancio. E poi come capire il mercato, chi assumere e dove andare.
L’intelligenza artificiale pare destinata a dominare la vita di tutti, dei cittadini e delle aziende, degli Stati e dei rivoluzionari. Il mondo del futuro secondo queste proiezioni dovrebbe essere fatto da tanti cittadini esecutori che lavorano poco e comodamente, schiacciano tasti solo quando richiesto, si godono la vita magari giocando con gli smartphone e con altre macchine certamente collegate che sanno quando uno vuole e deve giocare, quando deve smettere e quando può ricominciare.
Pochi grandi protagonisti che gestiscono le reti e il software, implementano l’intelligenza artificiale, guadagnano e comprano, fanno beneficenza e investono allo scopo di fare diventare il mondo sempre più digitalizzato, sempre più nelle mani dell’intelligenza artificiale che non ha emozioni, non ha sentimenti, non ha saggezza, ma razionalità tutta razionalità e solo razionalità.
Dove andrà il mondo per questa strada? Nessuno lo può dire e il rischio è che il fanatismo delle imprese protagoniste delle reti e del software insieme alla loro voglia di potere può togliere all’uomo la voglia di capire, di immaginare, di sognare e di vivere infilandolo in un canale dove se rispettano le regole non compaiono spigoli e può andare avanti senza scosse. Forse l’unico sogno che si rafforzerà sarà la religione perché permetterà di immaginare un mondo diverso, libero, senza vincoli e con la costruzione di sentimenti ed emozioni mai provate o comunque dimenticate.
In altri termini, il mondo degli umani sarà regolato, uniforme, comodo, guidato e molto religioso osservante perché la religione sarà il vero spazio della fantasia.
E in questo contesto il ruolo dei manager? I manager avranno grandi responsabilità in questo nuovo mondo. Infatti, loro sanno impostare una linea di produzione, amministrare una impresa piccola o grande, capire il mercato, guidare uomini ed hanno l’esperienza per fare tutto questo con professionalità ed equilibrio. Sono gli unici quindi che hanno la professionalità per guidare qualsiasi cosa a cominciare dal paese, perché la politica non avrà più visione (già ora si avvertono chiaramente i sintomi) e sarà suggerita (forse meglio dire dettata) dall’intelligenza artificiale.
In questo contesto i manager rappresentano la vera cinghia di trasmissione tra il vecchio e il nuovo, la scala mobile verso il futuro, sono la vera risorsa del paese e soprattutto l’altra intelligenza. Quella che si contrappone a quella artificiale.
Ma il compito più importante dell’altra intelligenza e cioè dei manager sarà quello di opporsi alla totale disumanizzazione della vita dell’uomo, di costituire resistenze alla cancellazione del libero arbitrio affidato solo ad algoritmi, avamposti di nuove forme di civiltà che certamente il mondo dovrà tornare a conoscere.
Archivio storico dei numeri di DIRIGENTI INDUSTRIA in formato pdf da scaricare, a partire da Gennaio 2013

I più visti

I tagli alle pensioni, ovvero punire la vecchiaia

Un Paese che taglia le pensioni, non ne garantisce il potere d'acquisto nel tempo e non investe in politiche attive di sviluppo s’incammina verso la regressione economica e la permanente conflittualità sociale
01 febbraio 2019

Il contributo di solidarietà come tassa permanente

Federmanager e Cida da sempre sostengono la necessità di separare l’assistenza dalla previdenza. Il nuovo contributo di solidarietà viene proposto per realizzare un progetto politico di natura assistenziale che chiama in causa la collettività nazionale. Circostanza che offre al legislatore l’occasione per far valere il principio di solidarietà sancito dalla Costituzionale. La solidarietà la devono sostenere tutti in relazione alla capacità contributiva.
01 dicembre 2018

Europa 2050: Suicidio Demografico

Che silenzio assordante di fronte al suicidio demografico dell'Europa previsto per il 2050! Le previsioni demografiche delle grandi regioni del mondo per quella data sono conosciute e vengono riaggiornate ogni due anni dalle Nazioni Unite e regolarmente da Eurostat per gli Stati membri dell'UE, ma bisogna essere uno specialista di database per servirsene. Infatti nessuno ne parla, soprattutto a Bruxelles, dove si preferisce produrre rapporti sulle rivoluzioni tecnologiche, lo sviluppo sostenibile e la transizione energetica. Nel seguito spieghiamo come la crescita economica e la produttività non sono messe in relazione con gli indicatori chiave relativi alla popolazione.
01 maggio 2018

Welfare: assistenza e previdenza

Fare chiarezza sui numeri è il primo passo verso la sostenibilità del sistema. Oltre la metà dei pensionati è totalmente o parzialmente assistita dallo Stato. Assimilare la spesa per prestazioni previdenziali e assistenziali genera equivoci.
01 aprile 2019

Pensioni: oltre i tagli e il conguaglio

Non si possono combattere disuguaglianze e ingiustizie sociali adottando sistemi d’ingiustizia fiscale.
01 aprile 2019